Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 86 del 06/11/2008 il 06 Novembre 2008
di

VIVERE DIVINO

Francesca Tamburello, ai vertici dell’Ais, racconta la sua escalation. “Il mio segreto? Mi preparo in modo maniacale. E non rinuncio a niente”

Amore a
primo sorso

Dalle pr nella pubblica amministrazione al mondo del vino. Dalla passione per la gastronomia alla scelta delle etichette migliori, passando per corsi, selezioni e degustazioni. Eccola Francesca Tamburello, delegato palermitano e vicepresidente regionale dell’Ais, l’associazione che riunisce i sommelier italiani.

Un’escalation cominciata nel 2002, quando qualcuno le consigliò di chiudere il cerchio della sua preparazione gastronomica proprio con il vino. E fu subito amore, come spesso accade in questo ambiente: a un certo punto ti chiedi come avrai mai fatto a sopravvivere senza del buon vino nel bicchiere. “Subito in me cominciò a crescere la voglia di saperne di più e meglio”, racconta adesso l’interessata.

Quanto ha aiutato la bravura nelle pubbliche relazioni?
“Io mi impegno in tutto al massimo. Sono fatta così, e questo fa la differenza: dalle tante inaugurazioni ed eventi che ho curato nella mia carriera alle degustazioni di ora. Mi preparo in modo maniacale. Sarò fissata, ma sono fatta così”.

Lei ha cambiato qualcosa in quest’ambiente?
“A mio avviso il mondo di Palermo era un ‘mortorio’. Ora va meglio e tutti vogliono cavalcare questo successo”.

Il segreto del successo?
“Sono una freelance e così posso andare fuori dal coro. Posso dire, e lo faccio tranquillamente, quando un vino non mi piace. E poi credo nell’associazione, ci lega il feel-rouge della passione per il vino. Così si va avanti”.

Cosa è il vino?
“Facendo il greco con mia figlia ho imparato una frase di Aristofane del 445 a.C.: ‘Gli uomini bevendo migliorano, vincono le cause, sostengono gli amici e vivono meglio’”.

Complimenti… Ma come si divide tutto questo con la famiglia e i figli?
“Qualcuno dice che sono un’aliena. In realtà dormo poco la notte, programmo molto e alla fine non mi sono mai privata di nulla”.

Cosa ne pensa del dibattito sulle Doc e sulla creazione di un’unica Dop Sicilia?
“Credo che tutto sommato uscire dalle Doc, dai disciplinari, può dare maggiore libertà alle aziende. Ricorrere alle Igt, invece, potrebbe dare una marcia in più, senza laccioli”.

Un voto al vino siciliano.
“Direi 8,5. Ci sono belle idee: il Nero d’Avola spumantizzato è una di queste. Ma c’è ancora tanto da fare: puntare su vini più leggeri, per esempio. Da noi c’è sempre tanto caldo…”.

Marco Volpe


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search