Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

L’INIZIATIVA

Due contenitori salvavino e salvacibo realizzati dai giovani palermitani che studiano design sbarcheranno sul mercato col marchio dell’associazione

Le creazioni degli studenti targate Slow Food

Due contenitori salvavino e salvacibo creati dagli studenti di design palermitani provano a sbarcare sul mercato col marchio Slow Food. Gli originali bag packaging “Fresh on food”, presentati al Salone del Gusto di Torino ed esposti fino a venerdì nella mostra di prodotti sostenibili allestita al Polididattico, stanno per essere sperimentati in alcuni ristoranti di tutta Italia e c’è già l’azienda Scia imballaggi di Catania, aderente al consorzio Comieco, pronta ad avviare la produzione.


La novità è stata annunciata da Pippo Privitera, presidente di Slow Food Sicilia, durante il convegno su “Territorio tra design ed etica”, alla presenza, tra gli altri, del prorettore dell’Università di Palermo, Ennio Cardona, del direttore del dipartimento di Design, Giovanni Isgrò, del preside di Ingegneria, Francesco Paolo La Mantia, del presidente del comitato scientifico Unesco-Dess Aurelio Angelini. L’incontro è stato organizzato nell’ambito dell’iniziativa “More e less. Futuro e consumo. Nuovi stili di vita e di consumo”, coordinata da Michele Argentino e Anna Catania, in occasione della Settimana dell’educazione allo sviluppo sostenibile sotto l’egida dell’Unesco. “La nostra idea è quella di diffondere nei nostri presidi i contenitori biodegradabili per diffondere la cultura della sostenibilità – spiega Privitera -. A questo scopo sperimenteremo l’uso di questi packaging, ideali per promuovere i prodotti alimentari con il marchio Slowfood, cioè realizzati nel rispetto del territorio”.
Risparmiare energia e rispettare l’ambiente a partire da piccole abitudini quotidiane, anche portando via i resti di un pranzo al ristorante, ma anche promuovere ed esportare prodotti tipici della cucina e della pasticceria siciliana, puntando su confezioni originali, comode e soprattutto in materiale riciclato o biodegradabile, sono le sfide raccolte dal dipartimento di Design dell’Università di Palermo e stanno dando già i primi risultati. Le creazioni degli studenti palermitani realizzate negli ultimi anni sono diventate già una ricca mostra, che si può visitare fino a venerdì, dalle 8 alle 17, al Polididattico (edificio 19), in viale delle Scienze. Espositori o confezioni innovativi per vendere meglio il cioccolato di Modica, piccole sfere in polipropilene per portar via, senza rovinarle, le “minne di vergine”, il dolce tipico di Sambuca, sistemi originalissimi per affettare la vastedda o la ricotta nello stesso contenitore con cui vengono servite in tavola, kit di vestiario per bambini in pannolenci. “Questo è un settore che si rivelerà importante per l’Università e per l’intera società – afferma Michele Argentino –. Ma per formare nuove generazioni sensibili al tema della sostenibilità, dobbiamo investire impegno e risorse”.
 

C.d.G.
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

4) Olio e vino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search