Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Numero 88 del 20/11/2008

L’INCHIESTA

Dalla Malvasia delle Eolie al Moscato di Pantelleria. Viaggio tra le più famose e antiche produzioni delle isole minori. Ed ecco la loro storia fino ai giorni nostri

L’arcipelago del vino

La Sicilia enologica, oggi famosa nel mondo per il nero d’Avola e per la riscoperta delle terre vulcaniche dell’Etna, emanava più anticamente un fascino irresistibile per i vini delle isole minori, due in particolare: la Malvasia delle Eolie e il Moscato di Pantelleria. Vini antichi introdotti da fenici e greci, desiderati dai romani, studiati e rinnovati dagli arabi.

  PHOTOGALLERY

Panelle&champagne,
la festa

Le immagini di "Panelle & Champagne: quando il cibo di strada incontra le bollicine francesi”. La manifestazione, organizzata da cronachedigusto.it, si è svolta lo scorso 14 novembre presso il circolo Telimar, sul lungomare Cristoforo Colombo (Addaura) a Palermo. Tra gli ospiti c’erano imprenditori, giornalisti, docenti universitari e anche personaggi dello spettacolo.

    L’EVENTO

best_in_sicily.jpgIl 12 dicembre alle Ciminiere di Catania la seconda edizione del premio di Cronache di gusto all’eccellenza enogastronomica siciliana. Una mail per le segnalazioni dei lettori

Best in Sicily,
dite la vostra

La passione per la cucina che conta, l’amore per il buon bere, ma anche per l'ospitalità. E poi la curiosità per alta qualità e professionalità e la certezza che si può sempre far di meglio. Sono gli aspetti che fino ad oggi hanno caratterizzato Cronache di Gusto. Gli aspetti che sono anche la base di Best in Sicily, il premio all'eccellenza enogastronomica siciliana, istituito lo scorso anno dal nostro giornale e che tornerà il prossimo 12 dicembre.

VIVERE DIVINO

Luisa Melia, assistente commerciale delle cantine Ceuso si racconta: c’è diffidenza nei confronti delle figure femminili. Non credo nella Dop Sicilia

Se per le donne
è “vite dura”

L'università a Bologna ma nel cuore sempre la sua Alcamo e l'azienda di famiglia, la Ceuso di Calatafimi-Segesta. Così Luisa Melia, 29 anni, dopo la laurea in Lingue ha deciso che non poteva abbandonare il vino.

LA RICERCA

L’Istituto della vite e del vino mette a disposizione dei vivaisti quasi 3 mila barbatelle di Carricante, Catarratto, Moscato di Noto e Nocera ottenute dai rispettivi cloni

Piantate e moltiplicate

Piantate e moltiplicate. Dopo quelle di Nerello mascalese sono pronte anche le barbatelle di Carricante, Catarratto, Moscato di Noto e Nocera ottenute dai rispettivi cloni.
Si tratta di piante nate grazie alla sperimentazione ad alto livello, frutto di una convenzione tra l'Istituto regionale della vite e del vino, il dipartimento di Scienze e tecnologie fitosanitarie dell'Università di Catania e l'Ersagricola, ente di sviluppo agricolo del Friuli Venezia Giulia.

IL PRODOTTO

Da un fiore una spezie preziosa usata per la preparazione del formaggio “Piacentinu”. Nell’Ennese il cuore della coltivazione e in questo periodo la raccolta

Caro zafferano

Non a torto viene definito da molti l’oro rosso della Sicilia, se pensiamo che solo 1 grammo arriva a costare 10-15 euro, almeno quello prodotto nell’isola (in altre zone italiane viene venduto anche a 26 euro al grammo). La coltura dello zafferano è infatti particolarmente costosa. Ma un motivo c’è.

IL PREMIO/1

Il Sant’Agostino Baglio Soria ’06 nella Top 100 di Wine spectator. Un riconoscimento anche al Majus Nero d’Avola di Ajello

Vino, un siciliano
fra i big del mondo

La Bibbia del vino mondiale dice che è una delle cinquanta migliori etichette sul mercato. Il Sant’Agostino Baglio Soria 2006 di Firriato, infatti, è stato inserito esattamente a metà della top 100 di Wine spectator. “Uno dei nostri vini più venduti – dice Salvatore Di Gaetano (nella foto), l’amministratore della cantina di Paceco -, nato nel 1995 e molto apprezzato nei mercati del centro Europa, soprattutto in Svizzera”.

IL PERSONAGGIO

Le ricette del cuoco palermitano Francesco Piparo rappresenteranno la Sicilia a Menfish, la manifestazione dedicati ai prodotti ittici da venerdì 21 a domenica 23 novembre

Pesce, dolce
un po’ salato

Pesce in tutte le salse con otto scuole regionali di cucina a confronto. La rassegna "Cucina ittica della salute" è una delle tante iniziative previste nell'ambito di Menfish, la kermesse dedicata ai prodotti del mare che nel fine settimana si terrà a Menfi, in provincia di Agrigento. A rappresentare la Sicilia ci sarà Francesco Piparo, 24 anni, cuoco palermitano che lavora a Villa Igiea, con le sue ricette caratterizzate in molti casi dall'accostamento di dolce e salato.

L'ANTEPRIMA

Pronta l’edizione 2009 della guida del Giornale di Sicilia. Sul podio più alto 46 etichette che verranno premiate il 10 dicembre al Jolly Hotel di Palermo

"Ecco il meglio
del vino siciliano"

di Fabrizio Carrera e Gianni Giardina

Ecco i vini a cinque stelle. I più buoni, quelli che coniugano equilibrio e armonia con piacevolezza. Torna la guida ai vini del Giornale di Sicilia. Nuova edizione targata 2009 con oltre 140 aziende recensite, un’ampia fotografia sullo stato di salute vitivinicolo dell’Isola e l’indicazione più attesa, quella sui vini più buoni.
Sono 46 le etichette a salire sul podio più alto e conquistare il punteggio più ambito, una decina in più rispetto allo scorso anno, con l’ingresso nell’Olimpo di qualche nuova cantina. A conquistare le cinque stelle sono uno spumante, 13 bianchi, 25 rossi e 7 vini dolci. Un ventaglio di riconoscimenti che abbraccia quasi tutte le province dell’Isola.

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search