Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 88 del 20/11/2008 il 20 Novembre 2008
di

VIVERE DIVINO

Luisa Melia, assistente commerciale delle cantine Ceuso si racconta: c’è diffidenza nei confronti delle figure femminili. Non credo nella Dop Sicilia

Se per le donne
è “vite dura”

L'università a Bologna ma nel cuore sempre la sua Alcamo e l'azienda di famiglia, la Ceuso di Calatafimi-Segesta. Così Luisa Melia, 29 anni, dopo la laurea in Lingue ha deciso che non poteva abbandonare il vino.

Nel 2005 partecipa ai corsi di degustazione, poi di nuovo un salto fuori in Toscana per un master in marketing delle aziende vitivinicole e lo stage in un'azienda di Cortona. «Dove ho fatto di tutto - racconta Melia, assistente commerciale della Ceuso - dall'accoglienza dei turisti alla parte commerciale».

Come mai questa scelta dopo che aveva studiato lingue?
«Sono andata al Nord solo per formarmi e per fare esperienza ma non potevo lasciare l'azienda di famiglia dove sono entrata da un anno».

Come ha trovato la cantina di famiglia?
«Bene, direi. Il progetto è nato per gioco in un magazzino all'inizio degli anni '90, tant'è che qualche critico ci ha definiti château garage perché siamo nati in un garage. Mio padre e i fratelli, tra cui Vincenzo Melia, l'attuale punto di riferimento dell'azienda, fondarono la casa di imbottigliamento, nel '92 arrivò l'impianto dei primi vigneti a Salemi. Fino al 2002 abbiamo prodotto solo Ceuso, poi ci siamo ingranditi con altri 3 vini il Fastaia, lo Scurati bianco e lo Scurati rosso. Siamo passati da 6 mila a 130 mila bottiglie».

Quale il fiore all'occhiello?
«Il vino del cuore è il Ceuso prodotto al 50 per cento con Nero d'Avola, al 30 con Cabernet Sauvignon e al 20 con Merlot. Viene affinato 12 mesi in barrique di rovere francese, quattro mesi in antiche vasche di cemento e sei mesi in bottiglia».

Crede nella Dop Sicilia?
«No. In Italia non hanno molto valore come per esempio avviene in Francia dove il territorio è molto più valorizzato».

Quali bottiglie troviamo più facilmente nella sua tavola, a parte quelle di famiglia?
«Adoro i rossi e dico il Nero d'Avola della Feudo Montoni tra i siciliani e uscendo dalla nostra regione il Bosco, un Syrah di Tenimenti D'Alessandro».
 

Fra. S.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

1) Raviolo di cavolfiore, vaniglia e capasanta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search