Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 89 del 27/11/2008 il 27 Novembre 2008
di

L’INDAGINE

Secondo “La GolainTasca'”, la guida ai ristoranti d'Italia, nell’ultimo anno si è dimezzato il numero dei locali dove mangiare bene e pagare meno di 25 euro

Piaceri della tavola,
dispiaceri
delle tasche

Mangiare bene e pagare un conto adeguato. È questo sempre di più l'obiettivo dei cosiddetti consumatori. Eppure il numero dei ristoranti in Italia dove mangiar bene entro 25 euro si è praticamente dimezzato nel giro di un anno: da 2.522 a 1.240. È quanto risulta dall'edizione 2009 de “La GolainTasca'”, la Guida ai ristoranti d'Italia pubblicata da Sitcom Editore in vendita in libreria e che ha preso in considerazione 10.240 ristoranti, trattorie, osterie, locande, rifugi alpini, enoteche, ristori agrituristici, locali storici e di tendenza; 5.320 località grandi, piccole e piccolissime dove mangiare in ogni angolo d'Italia.

Secondo l'indagine della Guida condotta su un campione di 500 lettori, che annualmente fanno pervenire ai curatori della “Golaintasca” segnalazioni e recensioni sui locali più apprezzati, è emerso che il 27% rinuncia sempre più spesso a una costosa cena fuori per accontentarsi di un ricco e più economico happy hour, mentre il 19% ammette di aver ridotto di due terzi le uscite culinarie mensili. La stragrande maggioranza (36%) non rinuncia al ristorante, purché il prezzo del menù completo non sia superiore a 25 euro. Il baedeker riporta anche una ricerca svolta, in occasione su 3.887 articoli pubblicati nel 2008 sulla stampa straniera (oltre 100 testate di 20 Paesi) che indica come i ristoranti più apprezzati dai turisti, vip compresi, siano proprio quelli in cui si spende tra i 25 e i 40 euro. Al primo posto, 8,46% primeggia L'Osteria della Villetta, a Palazzolo sull'Oglio (Bs), preferita al ben più famoso e pluripremiato ristorante Dal Pescatore (Canneto sull'Oglio, in provincia di Mantova).
Pagando tra i 25 e i 40 euro, spiega il quotidiano austriaco Der Standard, ci si inebria di: ''Un fantastico profumo di gazpacho con ricotta, tinca alla griglia e, per la gioia di tutti, polenta'' (26/02/08, Harald Fidler). Numerosi i clienti Vip. A Sud, nelle Eolie, a Lipari, tappa obbligata (5,10%) da Filippino che, con un conto tra i 25 e i 40 euro, ha suscitato l'interesse del quotidiano inglese The Guardian (30/03/08): ''A prima vista non sembra gran che. Eppure attira celebrità del calibro di Naomi Campbell e Sting''.
Ad Ischia, in località Barano, si cena a Il Focolare (3,17%); il locale è consigliato dal quotidiano francese Le Figaro: ''Lontano dalle trattorie affollate è una grande sala rustica decorata con manifesti di film degli anni Cinquanta spiegati dal proprietario”. (25/06/08, David Bedar). Nella rosa dei più citati dalla stampa estera non mancano, naturalmente, i costosi ristoranti dalla nomea internazionale (conto sempre superiore ai 75 euro), come la Trattoria Toscana (10,51%) del celeberrimo chef francese Alain Ducasse, a Castiglione della Pescaia (Gr), che è ''la sintesi tra ricette antiche e moderne a farne la forza'' (Le Figaro 29/05/08), e il ristorante di Gualtiero Marchesi (9,75%) a Erbusco, in provincia di Brescia, dove ''le specialità della casa sono il risotto alla foglia
d'oro e i ravioli ai frutti di mare'', come spiega la tedesca Süddeutsche Zeitung (02/04/08, Christian Wenger), che consiglia, sempre in Franciacorta, anche il locale Il Volto, a Iseo, ''famoso per le sue sfogliatine di patate e caviale''.
Chiudono la classifica La Masseria Torre Maizza (7,07%) a Fasano (Br), dove ''la cena viene invece consumata nella stalla e la specialità è la pasta o il risotto ai fiori di zucca, conditi con lo speciale olio d'oliva della casa''. (Handelsblatt, 10/05/08, Brigitte Jurczyk) e il Club Moritzino (6,82%), un
rifugio a 2.000 metri d'altezza, in Val Badia (località Piz La Villa): “E’, secondo Le Figaro, l'emblema dell'Alta Badia, con la sua eleganza tutta italiana che si coniuga con la natura sportiva dell'uomo di montagna''.

Elena Mancuso


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search