Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 139 del 12/11/2009 il 11 Novembre 2009
di Redazione

LA NOVITÀ

Parte dalla Campania un progetto per la valorizzazione del "latte nobile". Le vacche dovranno mangiare almeno tre tipi di erbe ma non solo

La nobiltà
va in bianco

Da dove viene il latte che ogni mattina è sulle tavole di molte famiglie? O meglio, cosa mangiano le mucche dalle quali viene munto questo prezioso alimento? I quesiti restano perlopiù irrisolti, acquistando la classica confezione al supermercato.

C'è invece un prodotto pronto al lancio che scaccerà ogni perplessità dalla testa dei consumatori più esigenti: è il "latte nobile", progetto della Regione Campania e dell'Anfosc, Associazione nazionale formaggi sotto il cielo, che tutela quegli agricoltori che lavorano esclusivamente con animali al pascolo.
Si tratta di un latte prodotto seguendo un disciplinare che fissa regole precise da rispettare per gli allevatori che vogliono ottenere il marchio. A snocciolare alcuni parametri è il presidente dell'Anfosc, Roberto Rubino: "Intanto possono aderire al progetto le aziende che hanno almeno una mucca per ettaro e da ogni animale non possono essere ricavati più di 50 quintali di latte all'anno". Due le indicazioni che possono far sorridere i consumatori: "Il pascolo deve essere effettuato lontano da autostrade e discariche e nel foraggio di ogni vacca devono essere presenti almeno quattro differenti tipi di erba", spiega Rubino. Un modo per offrire un latte ricco di omega 3, di acidi grassi insaturi e dall'ottimo aroma, visto che il gusto dipende dalla varietà dell'alimentazione delle mucche.
Il "latte nobile", che costerà poco più di due euro al litro, sarà presentato a Napoli il 4 dicembre. "Un'iniziativa - afferma Rubino - che ha una doppia funzione, offrire ai consumatori un prodotto garantito di altissima qualità e risollevare dalla crisi i piccoli allevatori che fanno le cose per bene ma sono penalizzati dalle industrie". Ma in Sicilia quando si potrà bere? "Partiamo dalla Campania - risponde il presidente dell'Anfosc - ma non è un progetto chiuso: se i produttori di altre regioni vogliono allinearsi sarà un piacere". Ovviamente, rispettando gli articoli del disciplinare.

Francesco Sicilia


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gaetano Torrente

Al Convento

Cetara (Sa)

3) Baccalà in olio cottura su salsa puttanesca  e crumble di alici

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search