Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 193 del 25/11/2010 il 24 Novembre 2010
di Redazione

IL PERSONAGGIO

A San Patrignano l'arte di Franco Alberti, giovanissimo, ma già considerato il migliore in Italia nel suo campo. Ecco come con le sue mani trasforma le materie prime

Il re dei pasticceri

E’ giovanissimo, magrolino, con un cesto di capelli ricci che arrivano prima di lui, uno sguardo da sognatore e tantissima passione per la pasticceria; questa è in poche parole la descrizione di Franco Aliberti, definito da molti esperti il miglior pasticcere d’Italia.

Ho avuto il piacere di incontrarlo in uno dei nostri incontri per la ristorazione che facciamo in Villa a Nozzole e posso assicurare che ha saputo catturare tutti i presenti con il suo modo semplice e disinvolto per ore e ore. Le sue mani sfioravano quasi la materia prima e questa come per magia si trasformava in sfoglie, creme, gelati, biscotti e così via fino all’impensabile. La cosa che colpisce di più è la sua sicurezza nel parlare di tutti gli aspetti del suo amato lavoro. Non ha segreti e spiega tutto seguendo un percorso logico quasi matematico, dimostrando che le cose che crea sono perfette solo perché è così che devono essere. Franco si domanda continuamente del perché delle cose e ama sondare tutte e le possibili potenzialità della materia prima che gli capita sotto mano. Un altro aspetto interessante è l’energia che trasmette, come un fluido che in piccola parte finisce dentro le sue dolcissime creature.

Lui stesso racconta che quando è in ferie magari da qualche giorno, inizia a pensare che il mondo va avanti e lui sta perdendo l’opportunità magari di scoprire una tecnica nuova o inventare una ricetta particolare. Massimo rispetto poi per tutti i suoi maestri sin da quando quindicenne ha cominciato a girare per i laboratori e per le cucine dei ristoranti.
Da Marchesi, Alajmo e da tutti gli altri che Franco ha incontrato nella sua formazione, ha saputo cogliere qualche cosa arricchendo così il suo bagaglio professionale fino a diventare oggi il simbolo di una pasticceria che non ha confini. E’ la fantasia che supportata dalla tecnica riesce a dominare sull’elemento naturale. Si esalta nella preparazione di un “semplice” biscotto all’olio considerando i piatti più semplici quelli che il suo cliente ama maggiormente. La sorpresa poi è in bocca quando lo stesso biscotto si sbriciola con una friabilità inaudita diffondendo un gusto che sa di antico. Nel ristorante a San Patrignano certamente sperimenta anche molte nuove preparazioni, giocando su consistenze e temperature differenti che lasciano protagonista il degustatore nel modo e nell’intensità con cui affrontarle. Tutto però senza mai esagerare e con quella semplicità che solo i grandi sanno mantenere.
Omaggio quindi a questo giovane che sicuramente porterà alta la bandiera della cucina o meglio della pasticceria italiana nel mondo intero.

Alessandro Alì


Ristorante Vite
Via Montepirolo,7
47853 Coriano - Rimini


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search