Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

L'INTERVISTA

Diego Cusumano dalla Sicilia conquista i Cinque Grappoli dell'Ais col Pino Nero 2007. "Un riconoscimento alla nostra voglia di scommettere. Nel calice frutto, freschezza..."

La nuova Borgogna?
Vicino a Ficuzza

La nuova Borgogna? Vicino a Ficuzza, boschi e alta collina tra Piana degli Albanesi e Corleone, in Sicilia. Diego Cusumano è felice. Col suo Pinot Noir 2007 ha vinto i Cinque Grappoli dell'Ais e ha avuto un punteggio di tutto rispetto da una bibbia come Wine Spectator.



Come nasce il vostro Pinot nero?
«Dalla voglia di sperimentare. Nove anni fa abbiamo intuito che a Ficuzza ci fosse un microterroir per provare a fare pinot nero, il più capriccioso dei vitigni. Quando sono venuti i francesi a vendere le barbatelle sono rimasti stregati dal posto e ci hanno consigliato dove piantarle».

Prima annata 2007?
«Esatto. Otto ettari in tutto ad 800 metri sul livello del mare, imbottigliato dopo otto anni e dopo otto mesi di barrique».

Cos'è la mania dell'otto?
«Più semplicemente vogliamo sfruttare questa coincidenza. E cosa c'è di più sexy del numero otto?».

Proviamo a descrivere il vino?
«Frutto, freschezza e soprattutto eleganza. Appunto sexy...».

Quante bottiglie?
«Col 2007 ventottomila. Altrettante con la vendemmia 2008 che saranno messe in commercio tra un anno».

Vi aspettavate questi riconoscimenti?
«Ci speravamo. Per noi è molto buono. E poi è la conferma che la Sicilia è davvero un Continente del vino».

Credi ancora nel ruolo delle guide?
«Sono importanti per ogni produttore perché ti misuri con assaggiatori di livello alto. Sono importanti perché hanno una diffusione rilevante tra gli appassionati e non solo. Ma il mercato si conquista col brand, con i prezzi e con la qualità».

Come bevi il Pinot Noir?
«A 14 gradi, meglio se sta un po' in frigo prima. Può essere bevuto a tutto pasto, per esaltare il frutto, la freschezza. Anche primi col pesce purché con condimenti ricchi».

Quanto costa in enoteca?
«Quindici euro».

F. C.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

1) Tartelletta di stagione

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search