Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

LA SPERIMENTAZIONE

Via libera alla coltivazione di questa varietà, provata dall'Irvv nella zona di Monreale. Ma per tutelare i produttori veneti e friulani si dovrà chiamare Glera

Un prosecco
per la Sicilia

La Sicilia avrà il suo Prosecco. Dopo una sperimentazione di tre anni condotta dall'Istituto regionale per la vite ed il vino che si è conclusa positivamente, è arrivato il decreto dell'assessorato regionale all'Agricoltura, che autorizza la coltivazione di questa varietà nell'isola.


I vitigni sperimentali, coltivati a Grisì, vicino a Monreale, su sollecitazione di alcune aziende vitivinicole, hanno dato una produzione media di quattro chili per ceppo, mostrando un buon adattamento al terreno, a dimostrazione del fatto che la Sicilia si presta all'introduzione di alcuni vitigni che fino a qualche anno fa erano tipici esclusivamente del nord Italia come, ad esempio, Müller Thurgau, Cabernet e Chardonnay.
Il decreto regionale consentirà, dunque, di ampliare le varietà coltivabili nell'isola con un occhio a nuovi spazi sul mercato. Ma con una limitazione: il vino prodotto non potrà più essere chiamato Prosecco.
Con il riconoscimento della doc, infatti, non è più possibile usare nell'etichetta la tipologia che fa riferimento al Prosecco ma, come stabilisce il comitato ministeriale per la tutela delle denominazioni di origine dei vini, per identificare questo tipo di vitigno, lo si dovrà chiamare Glera. Ciò servirà a differenziare il vitigno dal vino e a tutelare i produttori. In sintesi, il nome "Prosecco" sarà cancellato dal registro dei vitigni ma resterà in quello dei vini, dove sono riportati i nomi scritti sulle etichette vendute al pubblico. In questo modo il marchio Prosecco sarà ad uso esclusivo dei produttori veneti e friulani.
Quanti in Sicilia vorranno produrre questo vino, dunque, dovranno chiamarlo "Glera" cosa che, secondo gli esperti del settore, potrà costituire un limite nella commercializzazione. Sono in pochi, infatti ad associare questo nome al ben più famoso Prosecco e questa limitazione rende difficile fare previsioni su cosa accadrà nel mercato siciliano di questo vino.

C. M.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search