Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 186 del 07/10/2010 il 02 Ottobre 2010
di Redazione

IL PROVVEDIMENTO

Via libera del ministero delle Politiche Agricole. Salta il tetto al numero delle varietà che si potranno indicare. Soddisfazione da parte di Assovini: “Un vantaggio per tutti, anche per il consumatore”

Vitigni
sulle etichette
degli Igt Sicilia:
nuove regole

Nell'etichetta degli Igt Sicilia si potranno indicare tutti i vitigni utilizzati. E' ciò che ha diramato con una comunicazione ufficiale il ministero della Politiche Agricole Alimentari e Forestali, in seguito alla richiesta avanzata da Assovini Sicilia, portavoce dei 70 produttori associati che da mesi sollecitavano un chiarimento del regolamento.

La comunicazione ufficiale è stata emessa da pochi giorni e segna un superamento della difficoltà di interpretazione della normativa riguardante l'etichettatura dei vini Igt, in quei punti che regolamentano la parte descrittiva dell'etichetta, ritenuti ambigui e ambivalenti. Cosa che fino ad ora aveva creato non pochi problemi ai produttori ai quali non era chiaro se si potesse inserire o meno la composizione dei vitigni quando il blend superasse il numero di cinque varietà. Impasse causata dalla cattiva stesura delle norme in cui si sono trovati spesso anche i deputati ai controlli per conto della repressione frodi. Il via libera del ministero riguarda solo le tipologie Igt Sicilia Rosso, Bianco e Rosato nel caso in cui i vitigni costituiscano il 100% del vino e si rifa al recente regolamento comunitario n. 207 del 2009 in materia di etichettatura per l'Igt. "Dobbiamo ringraziare il ministero ed anche l'ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi che ha collaborato all'accoglienza della nostra istanza – dichiara Giuseppe Longo (nella foto), responsabile dell'area sviluppo dell'Assovini -. Era da anni che lavoravamo su questo cavillo. Le aziende avevano la necessità di fare sapere al consumatore di quali vitigni fosse composto il loro vino". Un atto di trasparenza indispensabile a fronte di un consumatore sempre più preparato ed esigente. "Il consumatore ha il diritto di sapere cosa sta bevendo. Il chiarimento di questa normativa potrà sicuramente dare un contributo alla vendita di questi vini – assicura -. Un vantaggio per tutti, per il settore".

Manuela Laiacona


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search