Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 187 del 14/10/2010 il 15 Ottobre 2010
di Redazione

DIARIO AMERICANO

Una tappa al Parallel Eighty-Eight, ristorante nello Zion National Park. Per sfatare alcuni luoghi comuni. A partire dal prezzo

Parallelo 88,
mangiare negli Usa

di Giovanni Paternò

Quanti di voi desiderano visitare i grandi parchi nazionali del West degli Usa? E' un'esperienza che consiglio vivamente, per la bellezza dei paesaggi, la facilità del viaggio, la fruibilità di luoghi ed infrastrutture che sanno conciliare in maniera stupefacente la tutela della natura con la presenza del turismo.


Ma la cosa che più ha destato la mia meraviglia, in quanto inaspettata, è la possibilità di mangiare molto bene, senza tra l'altro svenarsi. Si viaggia per avere un'esperienza, coinvolgente nel momento, che poi si trasformi in ricordi piacevoli ed indimenticabili. E cosa c'è di meglio che completare la memoria dei luoghi e della gente incontrata con il soddisfacimento del gusto e degli altri sensi ad esso legati?
All'ingresso dello Zion National Park c'è l'elegante cittadina di Springdale, zeppa di alberghi, motel, ristoranti e negozi principalmente dedicati ai turisti. Attirati dalla pubblicità in un opuscolo locale che lo definiva come il miglior ristorante del sud-ovest dello Stato dello Utah secondo il Salt Lake Magazine per il 2009 e 2010, abbiamo voluto confrontarci con i giudizi americani in una cena di fine giugno.
Siamo arrivati al Parallel 88 che ancora la luce naturale era viva; il locale è elegante, ma senza pretese sdolcinate. Non manca il classico bancone bar, comune a tutti i ristoranti americani e data la calura estiva ci siamo accomodati in un piccolo tavolino all'esterno, con lume di candela, un bel prato all'inglese e sullo sfondo un magico tramonto sul monte Watchman. Il menu è formato da non molti piatti, il che ci fa sperare che le vivande saranno cotte al momento.
I menu americani in genere sono divisi in starters, che comprendono antipasti e qualche primo; entrées che costituiscono il piatto principale che consiste in un secondo accompagnato da abbondanti contorni; desserts, come indica la parola.
Anche se la scelta non è vasta, comprende pasta, carne, pesce, vegetali e formaggi, per cui può soddisfare tutti i gusti. Noi scegliamo “soba con verdure e gamberi” e “crostini con mousse” per iniziare.


Soba con gamberi


Crostini con mousse

Per prima cosa ci ha colpito la presentazione: i piatti sono grandi quadrati di ottima porcellana e la composizione del cibo è accurata, elegante, ma senza quegli inutili orpelli quali foglioline, spolveri vari, gocce sparse qua e là.
I soba, specialità giapponese, sono tagliolini di grano saraceno, che in genere sono serviti freddi. Qui assomigliano più ad un piatto di pasta, tiepido, condito con una salsa densa al gusto di aragosta., completato da un soffio di capperi, verdure stufate e due enormi gamberoni dalla freschezza inimmaginabile data la distanza dal mare. Andiamo ai crostini, ecco come un piatto semplice e quasi banale può diventare goloso e di alta cucina: piccoli dischetti di pane croccante fatto in casa ricoperti di mousse di cavolfiore con tapenade che sarebbe una salsa provenzale a base di capperi, olive nere ed acciughe, con contorno di ortaggi crudi conditi con olio di vinaccioli e basilico.
Passiamo ai piatti forti: “cilindro vegetariano”, un insieme di ortaggi: zucca, peperoni, melanzane, zucchine, pomodori, funghi e quanto altro, tutto stufato e presentato come un enorme cilindro a vari colori, un piatto che avrebbe soddisfatto il più accanito dei carnivori.


Cilindro vegetariano

Tonno grigliato” con carote, asparagi, cavoletti, patate a purea fritte da sembrare cips e inoltre un passato grossolano a base di patate e altri tuberi, il tutto condito da una salsa al wasabi.


Tonno grigliato

Per i dessert la scelta è caduta su un magico “tronchetto al cioccolato” sopra coulis di lamponi e su “cremes broulées” in mini formelle ai gusti di mirtillo e lamponi; perfette conclusioni ad una cena memorabile.


Tronchetto al cioccolato


Cremes broulées

Come si può notare, la cucina dello chef e proprietario Jeff Crosland è influenzata specialmente da quella francese, allargandosi alla giapponese e all'italiana, con una sua particolare visione e largo uso di oli, aromi di tipo mediterraneo e una giusta fusione tra gusti decisi e delicati. Per completare Jeff ha fatto un giro tra i tavoli per raccogliere le impressioni e specialmente i complimenti.


Jeff Crosland e Piera Salamone Paternò

Buona senza strafare  la lista dei vini e delle birre, specie artigianali. Alla fine altra nota particolarmente deliziosa, il conto è stato di soli 120 dollari, compreso due bicchieri di vino. Che volere di più?


Ristorante Parallel Eighty-Eight (88)
1515 Zion Park Boulevard
Springdale, Utah
tel. 435 772 3588
www.paralleleighty-eightrestaurant.com


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search