Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 187 del 14/10/2010
di Redazione

IL CASO

C'è il via libera da Roma su come indicare i vitigni nelle bottiglie. Ma per l'Ufficio repressione frodi di Palermo non basta

Etichette
e Igt Sicilia,
nuovo stop

Nuovo stop per la descrizione dei vitigni sulle etichette delle bottiglie Igt Sicilia. L'Assovini aveva salutato con grande soddisfazione la notizia che il Ministero delle Risorse agricole aveva dato il via libera alla possibilità che la dicitura Igt Sicilia Bianco, o Rosso, o Rosato, consentisse di descrivere nel resto dell'etichetta tutti i vitigni di cui è composto un vino.

Risolvendo così un dubbio interpretativo del disciplinare che non pochi problemi aveva creato a molti produttori sanzionati perché, per l'appunto, non avrebbero rispetatto le norme. Ma a Palermo, alla sede dell'Ufficio repressione frodi, diretto da Antonio Raimondo, secondo alcune indiscrezioni, disconoscono fino ad oggi la novità giunta da Roma. Per i funzionari del capoluogo siciliani scrivere Igt Bianco, per esempio, non consente la possibilità di spiegare in altra parte dell'etichetta che quel vino è fatto da più di due vitigni. Il sì da Roma era stato disposto dall'ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi. Adesso si apre un nuovo braccio di ferro. L'ufficio di Palermo non ha accolto la nuova indicazione solo perché non ne è ancora a conoscenza oppure perché pone dubbi sull'applicabilità di quanto disposto da Roma? Si saprà nei prossimi giorni.


 
A lato Il foglio con cui il ministero autorizza a poter scrivere più vitigni sulle etichette degli Igt Sicilia.


 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search