Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 187 del 14/10/2010 il 13 Ottobre 2010
di Redazione

L’INTERVISTA

Secondo Giacomo Cosentino, ex presidente dell'Unione Europea dei Gourmet, ecco perché nel capoluogo siciliano mancano i ristoranti stellati. “I clienti vogliono solo piatti stracolmi e prezzi bassi”

“Il palermitano
non sa mangiare”

“Il palermitano non sa mangiare. Chiede solo grandi ‘cofanate’ di piatti di pasta. Appena qualcuno porta qualità nel piatto e in quantità limitata, si arriccia e non gradisce”. Secondo uno dei massimi esperti e indagatori del gusto della città, Giacomo Cosentino, la ristorazione non brillerebbe di stelle, sarebbe solo il riflesso di una clientela che ha poca conoscenza del cibo.

In prima linea per valorizzare la qualità e la cultura del mangiar bene, l'ex presidente dell'Unione Europea dei Gourmet trova qualche difficoltà a trovare ristoranti all'altezza.

Un giudizio da intenditore, come si mangia a Palermo?
“Le rispondo così. Mangio oramai da anni solo in 4/5 posti”.

Non trova altri ristoranti all'altezza o da meritare una stella?
“No. Palermo come città da un milione di abitanti dovrebbe avere almeno tre ristoranti stellati. Invece ha solo ristoranti che propongono prezzi bassi e grandi quantità”.

Perché secondo lei?
“Perché il palermitano non sa mangiare. Ecco perchè i ristoranti sono rimasti a questo livello e per questo, riallacciandomi alla testimonianza di Gigi Mangia con cui sono d'accordo, non c'è il professionismo. Non ha motivo di esserci, dato che il cliente si accontenta di piatti stracolmi. In questo stato chiunque sappia cucinare un minimo allora può aprirsi un ristorante o proporsi come chef. A Palermo così va, per fare un locale di successo non hai bisogno di fare grandi scuole e gavetta”.

Però qualcuno tenta di fare buona cucina…
“Certo, e come dicevo sono pochi. Perché si guadagna di più facendo cucina di massa e dalle grandi porzioni. Chi decide di fare vera ristorazione certo soffre più degli altri”.

Non crede che i ristoratori potrebbero educare la clientela?
“Se il ristorante ha uno chef professionista allora sì che si può fare. Si dovrebbe cominciare con il proporre menu stagionali. Si dovrebbero cambiare i menu almeno 4 volte all'anno. Davvero pochi lo fanno. Partiamo da qui”.

Manuela Laiacona


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search