Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 188 del 21/10/2010 il 23 Ottobre 2010
di Redazione

SALONE DEL GUSTO

Una degustazione che ha visto come oggetto di discussione l'utilizzo del legno nel vino e la sua importanza

I legni ed il vino

Quanto conta la scelta del legno nella realizzazione di un vino. Se ne è parlato durante un incontro al Salone del gusto di Torino. Tra gli ospiti Ludovic Gauthier, artigiano selezionatore di legni per le botti e Aldo Vajra, famoso produttore di Barolo nelle Langhe.

In degustazione sette vini espressione di scelte di affinamento diverse. Ogni foresta è espressione di un terroir, ogni annata di querce è diversa dall'altra ed ogni albero differisce dall'altro per vari fattori. Terroir, annata e differenza pianta pianta, sono anche le parole chiave del vino. Molti punti di contatto certo, ma anche innumerevoli sfumature animano la polemica sul se e quanto il legno debba o possa influenzare il vino. Ludovic Gauthier è portavoce di una filosofia che considera il legno parte integrante del prodotto vino, così spiega “Se il legno è di qualità avviene una sorta di armonizzazione con la botte e la microssigenazione è virtuosa.

Ad ogni vino poi la sua botte, perchè la tostatura, l'essicazione e l'asciugatura sono componenti centrali nella scelta”.
Aldo Vajra invece, si è espresso in termini molto diversi “Io cerco un legno che non dia il gusto di legno al mio vino, quindi una botte che senta il clima, che evolva insieme al vino, ma che non lo invada mai. L'idea di vino piacevole per me è questa”.
I vini in degustazione, quattro cru di Pinot Noir di Philippe Charlopin, che si differenziavano per un affinamento in botti di Tronchet, Allier, e due di Jupille. I tre vini proposti da Aldo Vajra erano tre Nebbiolo 2009 (campioni da vasca), il primo affinato in rovere di Allier Grain Fine, il secondo di  Jupille e infine il terzo di Troncais.

Infine, un brevissimo accenno è stato fatto sui chips, ovvero i famigerati pezzetti di legno che vengono aggiunti da alcuni produttori, ma che restano ancora vietati in molti paesi, tra cui l'Italia. Si è parlato di infusione, di vini che vogliono solo seguire la moda, ma sul fatto che la qualità non nasca dai chips, tutti gli intervenuti si sono trovati d'accordo.

Laura Di Trapani


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search