Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 189 del 28/10/2010 il 27 Ottobre 2010
di Redazione

LA PROVOCAZIONE

Il primo vino dell'annata non è più di moda. Il boom nel Duemila, ora sembra caduto nell'oblìo. Un monito per chi crede alle tendenze

Novello,
chi era costui?

Ormai non se ne parla quasi più. Eppure alla fine degli anni '90 guai a mancare l'appuntamento col vino novello. Ai primi di novembre era un susseguirsi di feste, wine show, degustazioni, bottiglie da stappare, tutti attorno al vino novello, il primo vino dell'annata.

Da Nord a Sud, senza requie, si celebrava questo rosso un po' frizzante da bere da solo o in compagna con le castagne o il panino con la mortadella. Tutto questo fino ad un lustro fa. Sembra passato un secolo. Cosa è successo? Nonostante per alcune cantine fosse un modo per incassare subito qualche soldino (spesso le vendite erano su prenotazione) si è voluto legare questo vino a un momento, una tendenza, una moda. E quando le cose sono di moda prima o poi finiscono. Ed è inutile poi sostenere che il novello ha avvicinato il vino ai giovani. Perché forse quei giovani sono cresciuti e i giovani successivi hanno cominciato a bere altre cose. Certo è che molte aziende hanno cominciato a smettere di produrlo. In Veneto come in Sicilia. Milazzo, Tasca d'Almerita, e tanti altri non lo fanno più. Duca di Salaparuta resiste ma ha ridotto la produzione. Circa 150 mila bottiglie, ma qualche anno fa erano molte di più. Mentre per esempio il salone del novello che prima si teneva a Vicenza e più recentemente a Verona, non si fa più. Altro chiaro segno di disinteresse. Secondo alcuni è la prova che il gusto si è evoluto, che i consumatori sono più esigenti e allora spendere per spendere meglio un rosso corposo, strutturato, che un vino frizzantino. Attenti, anche questo non è più vero. Perché oggi i consumastori evoluti cercano l'eleganza e il territorio, il rispetto dell'ambiente e il vitigno autoctono. Quindi siamo in un'altra fase ancora. Mi chiedo se anche quest'ultima fase sia pure una moda oppure qualcosa di più definitivo. Credo di più alla seconda ipotesi e si vedrà. In ogni caso meglio evitare che certi vini siano solo una tendenza. E per farlo bisogna continuare a crederci, ad investire, a scommettere, a fare ricerca, cosa che non è accaduta per il novello. Noi guarderemo con curiosità chi il novello lo fa ancora e perché. E magari lo racconteremo. Senza dimenticare che i francesi, con il Beaujolais continuano a marciare come se nulla fosse. Altro che moda. Non cambiano gusto ad ogni giro del vento. C'è qualcuno da 200 anni a questa parte che ha messo mai in discussione i primati della Borgogna o di Bordeaux? No, perché sono vini che vanno oltre le mode e le tendenze. Come mai? Ce n'è per imparare.

F. C.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search