Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 28 del 27/09/2007 il 26 Settembre 2007
di Emanuele Di Bella


Formaggi, premio al miglior carrello

 

rubino_roberto.jpgUn premio al ristorante d’Italia con il miglior carrello dei formaggi. Sede dell’evento del premio Caseus è Agrigento, la provincia che ospita a Cammarata il consorzio del Pecorino siciliano Dop. L’iniziativa, che si svolgerà il 6 ottobre, piace ai produttori di Pecorino siciliano, e il consorzio vede in esso la possibilità di espandere di promuovere il formaggio Dop anche nella ristorazione. Il premio Caseus, giunto alla sua settima edizione, è stato ideato dal ricercatore Roberto Rubino, uno studioso campano a capo del consorzio di ricerca agricola. Nei suoi studi, Rubino sostiene che i migliori formaggi nascono da latte prodotto da animali al pascolo. E per questo motivo ha creato l’associazione nazionale “formaggi sotto il cielo”, e una rivista, Caseus appunto, con il preciso scopo di rivalutare e tutelare i formaggi locali che utilizzano metodi di produzione e conservazione naturali.
“C’è stato un periodo che nei carrelli dei ristoranti non vi era traccia di formaggi locali – dice Rubino -. Il premio vuole incentivare la cultura del formaggio fatto con latte da animali al pascolo. Il ristoratore dovrà presentare il suo carrello, ma non si tratta soltanto di conoscere e vedere le forme, ma scoprire l’arte di saper raccontare un formaggio”.
Una decina di ristoratori, quindi, si cimenteranno in questa prova davanti a una giuria di esperti, e c’è da scommettere che sarà musica per il palato e per l’udito.
Massiccia la presenza dei produttori di pecorino siciliano Dop. “E’ una vetrina importante per farci conoscere – spiega il presidente del consorzio di Cammarata, Roberto Malta – e per allargare gli orizzonti della promozione e della commercializzazione di un formaggio che nasce da latte crudo prodotto da pecore al pascolo, e che ha una storia importante da raccontare a tutti i buongustai del mondo”.



Sa. Ri.


Formaggi, premio al miglior carrello

 

rubino_roberto.jpgUn premio al ristorante d’Italia con il miglior carrello dei formaggi. Sede dell’evento del premio Caseus è Agrigento, la provincia che ospita a Cammarata il consorzio del Pecorino siciliano Dop. L’iniziativa, che si svolgerà il 6 ottobre, piace ai produttori di Pecorino siciliano, e il consorzio vede in esso la possibilità di espandere di promuovere il formaggio Dop anche nella ristorazione. Il premio Caseus, giunto alla sua settima edizione, è stato ideato dal ricercatore Roberto Rubino, uno studioso campano a capo del consorzio di ricerca agricola. Nei suoi studi, Rubino sostiene che i migliori formaggi nascono da latte prodotto da animali al pascolo. E per questo motivo ha creato l’associazione nazionale “formaggi sotto il cielo”, e una rivista, Caseus appunto, con il preciso scopo di rivalutare e tutelare i formaggi locali che utilizzano metodi di produzione e conservazione naturali.
“C’è stato un periodo che nei carrelli dei ristoranti non vi era traccia di formaggi locali – dice Rubino -. Il premio vuole incentivare la cultura del formaggio fatto con latte da animali al pascolo. Il ristoratore dovrà presentare il suo carrello, ma non si tratta soltanto di conoscere e vedere le forme, ma scoprire l’arte di saper raccontare un formaggio”.
Una decina di ristoratori, quindi, si cimenteranno in questa prova davanti a una giuria di esperti, e c’è da scommettere che sarà musica per il palato e per l’udito.
Massiccia la presenza dei produttori di pecorino siciliano Dop. “E’ una vetrina importante per farci conoscere – spiega il presidente del consorzio di Cammarata, Roberto Malta – e per allargare gli orizzonti della promozione e della commercializzazione di un formaggio che nasce da latte crudo prodotto da pecore al pascolo, e che ha una storia importante da raccontare a tutti i buongustai del mondo”.



Sa. Ri.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search