Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 131 del 17/09/2009 il 16 Settembre 2009
di Redazione

L'EVENTO/2

Dal 22 settembre la gara a suon di semola. Anche gli ospiti illustri fanno da sfondo alla manifestazione di San Vito Lo Capo, nel Trapanese. In competizione: Costa d'Avorio, Francia, Israele, Italia, Marocco, Palestina, Senegal e Tunisia

Otto Paesi
in un cous cous

Il mondo torna a riunirsi in un piatto di cous cous, ed intorno a questo festeggia il piacere dello stare insieme. Non solo semola dunque, ma molti sono gli ingredienti che caratterizzano il Cous Cous Fest di San Vito Lo Capo. L'avvincente gara gastronomica, gli ospiti illustri, gli incontri a tema, le degustazioni e i concerti in piazza sono la forza di questa kermesse di successo, giunta alla dodicesima edizione.


Otto i paesi in gara quest'anno: Costa d'Avorio, Francia, Israele, Italia, Marocco, Palestina, Senegal e Tunisia che si sfideranno uno dopo l'altro a eliminazione diretta. La giuria tecnica sarà presieduta da Edoardo Raspelli, critico gastronomico e conduttore del programma Melaverde, e sarà composta da un nutrito gruppo di giornalisti ed esperti di enogastronomia. La grande novità di quest'anno riguarda la giuria popolare, che sarà formata da ben 100 membri estratti a sorte tra i numerosi appassionati che hanno fatto richiesta.
Ma la festa del cous cous non è solo la gara, anche quest'anno l'agenzia palermitana Feedback ha curato il programma delle sei giornate che prevedono lezioni di cucina, talk show, tavole rotonde e incontri a tema all'interno dei Cou cous Lab, contenitori culturali della manifestazione. Vi saranno  laboratori del gusto aperti al pubblico e a numero chiuso condotti da tre pluripremiati chef siciliani, Pino Cuttaia, chef de La Madia di Licata, 3 forchette Gambero Rosso e una stella Michelin, Carmelo Chiaramonte, il "cuciniere errante" come egli stesso ama definirsi, autore anche di programmi televisivi e pubblicazioni gastronomiche, Ciccio Sultano, chef e patron del "Duomo" di Ragusa Ibla, tre forchette Gambero Rosso e due stelle Michelin. Gli incontri, in cui gli chef cucineranno in estemporanea, sono stati possibili grazie al main sponsor di quest'anno Electrolux, leader nel settore degli elettrodomestici e delle apparecchiature per uso professionale.
Una degustazione organizzata da Cronache di gusto sui grandi vini siciliani è in programma durante la settimana, evento che induce ad un' importante riflessione sulla qualità dei nostri prodotti.
Ma il cous cous è anche cultura, attraverso il laboratorio letterario dal titolo "Mangiarsi le parole"a cura di Gianfranco Marrone e attraverso realtà incredibilmente distanti dalla nostra, come quella raccontata dal docufilm "il mare di Joe dalla Sicilia all'Alaska", che sarà presentato durante un incontro a tema.
Altro interessante evento è la presentazione del cous cous della Riserva Naturale Orientata dello Zingaro interpretato dalla creatività del maestro Salvatore Cappello, già re della torta setteveli,  che proporrà una sua interessante versione dolce di questo piatto attraverso i pistacchi e la manna (il nettare prodotto dall'incisione degli alberi di frassino).
Infine il Cous cous Fest è musica e arte grazie agli artisti che animeranno le serate sanvitesi, con i concerti e con gli artisti di strada che stupiranno i partecipanti con le loro acrobazie.
Prende così il via la festa del cous cous, una festa di profumi, canti, balli, colori e sapori intorno allo stesso piatto, un piatto talmente grande da racchiudere tutto il mondo.

Laura Di Trapani


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search