Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 131 del 17/09/2009 il 16 Settembre 2009
di Redazione

L'INIZIATIVA/2

Manifestazione organizzata da Settesoli. E a Menfi la raccolta si trasforma in uno spettacolo notturno a pochi passi dal mare

La vendemmia
diventa uno show

Una vendemmia da pellicola cinematografica è stata quella organizzata dalla Settesoli lo scorso 12 settembre a Menfi. Filari d'uva che degradano verso il mare, un pianoforte a coda sulla riva al tramonto, un falò, lanterne che lievitano verso un cielo notturno

: questo il set  mozzafiato di "Vendemmia sul mare", iniziativa pilota, lanciata da  Diego Planeta per celebrare gli uomini e la terra Settosoli, 2300 soci e 6.000 ettari di vigneto. Ma anche un'occasione per presentare in anteprima il monovarietale Chardonnay. La vendemmia ha voluto offrire uno sguardo suggestivo sul periodo più caldo per chi fa vino, per l'azienda siamo al 70% di uva raccolta. Ad ospitare l'evento uno degli impianti di uve syrah più scenografici in cui ci si è divertiti a raccogliere i grappoli muniti di cesoie e cestini.
Lavoro senza sosta che ad oggi sfocia in una produzione di 6.200.000 litri di vino di qualità, ripagato da un tasso di crescita nei consumi, nonostante la crisi. "Stiamo registrando un tasso di crescita del 10% a valore - il direttore commerciale Grande Distribuzione Samantha Di Laura -, confermando il tasso positivo degli anni passati. Questo è il risultato di una politica di produzione e commerciale da un lato volta a soddisfare il consumatore, offrendogli vini con un prezzo allo scaffale eccellente, come i nostri monovarietali, e dall'altro a ripagare e a gratificare i soci." Operazione che si avvale da quest'anno della consulenza di uno dei manager più autorevoli d'Italia, Vito Varvaro. "Vogliamo sfruttare le enormi potenzialità di questa cantina e portarla nel mondo, per questo stiamo rafforzando i canali distributivi, la rete vendita e adottando i sistemi di marketing più sofisticati". Ma dietro a tutto questo c'è una delle più audaci manovre di investimento fatte sulla qualità: la riconversione ed il rinnovamento in 8 anni di 4.500 ettari, in vista di una migliore resa qualitativa. Spiega, infatti, Antonino Verderame, del consiglio di amministrazione e presente all'evento: "L'operazione ci ha consentito di ottenere la stessa produzione, che si attesta in media sui 150 quintali di uva, aumentando il numero di piante e predisponendo impianti a sesti più stretti. Una maggiore densità che ci ha consentito di alleggerire e di stressare meno la singola pianta." Protagonisti di tale traguardo sono però soprattutto due elementi: il mare, artefice silenzioso dei profumi e dei colori di questi vini ed il territorio, che l'agronomo Filippo Buttafuoco definisce "un continente, per la varietà di tipologie e composizioni di terreni e condizioni pedoclimatiche che cambiano repentinamente da zona a zona e da altitudine ad altitudine". Lo spirito di questa vendemmia in festa è stato un tributo alla simbiosi tra sapere dell'uomo e natura che si fa vino e che il direttore generale Salvatore Li Petri riassume così: "Con questa iniziativa abbiamo voluto far vedere di cosa è fatto il nostro vino ed è attraverso il vino che vogliamo far parlare di sé questo territorio, il mare, la natura e la sua gente, e far vedere quanto tutto questo imprima nell'uva le sue  straordinarie caratteristiche."

Manuela Laiacona


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search