Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 131 del 17/09/2009 il 18 Settembre 2009
di Redazione

LO STUDIO

Secondo Astra Ricerche il 75% degli italiani ritiene che durante la crisi meglio ridurre gli acquisti ma non la qualità. L'indagine presentata dal Consorzio Franciacorta

Food & beverages,
meno ma meglio

"Ben il 75% dei nostri connazionali dichiara di non aver peggiorato la qualità dei propri acquisti rispetto al gennaio 2008 (per il settore food & beverages si arriva addirittura  all'89%, per i prodotti tecnologici d'uso personale si giunge all'86%, per i farmaci e i prodotti per la salute e il benessere al 79%). Inoltre il 77% della popolazione afferma di non avere alcuna intenzione di 'tagliare' la qualità dei prodotti che acquisterà nei prossimi 2-3 anni".


Questa la sintesi della ricerca realizzata da Astra Ricerche, presentata al convegno Con la qualità fuori dalla crisi, organizzato dal Consorzio per la tutela del Franciacorta con la presenza di Altagamma, Maserati, Consorzio del prosciutto di San Daniele e Consorzio per la tutela del Franciacorta. Lo studio evidenzia come la cifra stilistica prevalente per il triennio 2008/2010 è less but better, ossia meno ma meglio. La qualità viene insomma difesa con i denti dai consumatori stessi, che preferiscono rinviare acquisti onerosi o diminuire la frequenza di fruizione degli stessi, o ancora avviare una politica degli acquisti ancor più intelligente e mirata.
La ricerca conclude che "chi pensa, per uscire dai guai presenti, di abbassare la qualità compie un gravissimo errore: rivedere i prezzi, questo sì è necessario (e non solo fino all'inizio della ripresa); ma fare quality downgrading sarebbe folle. Il mercato italiano chiede qualità (e tanta gente fa fatica proprio per rinunciare ad essa), mentre sui mercati internazionali tutte le prospettive del Made in Italy sono legate - come sempre, più di sempre - alla nostra capacità di garantire una reale top quality: lo chiede l'84% dei nostri clienti all'estero".
 Una prospettiva di cui si fa interprete il Consorzio per la tutela del Franciacorta: "Abbiamo il disciplinare di produzione più rigido al mondo - ha dichiarato Maurizio Zanella (nella foto), presidente del Consorzio per la tutela del Franciacorta - in 40 anni abbiamo fatto miracoli. Rispetto a molti altri competitors, i volumi di produzione del Franciacorta sono minimi e quindi, visto che non potremo arrivare a produrre più di 20/25 milioni di bottiglie perché le dimensioni del territorio di più non consentono, siamo costretti a puntare tutto sull'elemento qualità, facendo sia che sia essa a rendere riconoscibile il Franciacorta al mercato".

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search