Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Numero 181 del 02/09/2010

L'ANALISI

Chi soffre e chi cresce secondo un’indagine di Confagricoltura. Ecco le risposte di alcuni produttori di vino da Mazzei a Majolini

Export avanti tutta

Il mercato italiano non dà segni di ripresa, ma l'estero si sta muovendo. E chi ha fatto dell'esportazione il punto di forza della sua attività tira un sospiro di sollievo. È quanto emerge da un'inchiesta di Confagricoltura presso i suoi produttori.

L'ANTICIPAZIONE

Ecco le novità della guida ai vini de L’Espresso 2011. L’exploit della Sardegna, la delusione dell’Umbria. Rizzari: “Bene anche il Lambrusco, a torto snobbato”. E sulla Sicilia…

Etna e Faro
in grande spolvero

Sardegna in grande spolvero. Umbria deludente. Sicilia come sempre, con una grande affermazione dell’Etna e del Faro a dispetto del resto dell’Isola. E poi le conferme di sempre: Piemonte e Toscana. Sono alcune delle anticipazioni della Guida ai vini de L’Espresso edizione 2001 che sarà presentata (assieme a quella dei ristoranti) il prossimo 7 ottobre a Firenze.

L'INTERVENTO

Il presidente dell’Unione italiana Vini risponde al ministro Galan sul settore e le sue prospettive

“Pronti al confronto
contro la crisi”

di Lucio Mastroberardino*

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

LA POLEMICA

Una parte dei produttori calabresi e Slow Food contro le modifiche già approvate dal mninistero. Presentato un ricorso. «No all’introduzione di Cabernet e Merlot, no al’omologazione di questo vino»

La guerra
sulla Doc Cirò

È braccio di ferro sul Cirò, la Doc calabrese più famosa. Ora c’è pure un ricorso voluto non solo da un gruppo di produttori che vuole difendere l’uso dei vitigni autoctoni ma anche da Slow Food che a livello nazionale sta sostenendo questa battaglia. Il consorzio di tutela dei produttori con l’appoggio della Regione ha proposto e ottenuto che nel disciplinare venisse modificata la parte relativa ai vitigni autorizzati.

L’INSAZIABILE

La Tavernetta, a Camigliatello, nel cuore della Sila, dalla pasta con i talli alla carne di podolica. Formaggi, salumi e tanto territorio. E in cantina circa 800 etichette

Alta quota, alto piacere


Denise e Pietro Lecce, titolari de La Tavernetta di Camigliatello Silano
in provincia di Cosenza (foto gieffe)

Eccoci nel cuore della Sila grande, tra Camigliatello, la piccola e famosa frazione di Spezzano e il lago Cecita, in un ambiente naturale splendido per i suoi prati verdi e le foreste lussureggianti di conifere, nei pressi del parco nazionale. Ad oltre 1.100 metri di altitudine, lontani dal traffico e immersi nella natura è stato molto piacevole fermarsi alla Tavernetta di Pietro e Denise Lecce.

L'AZIENDA

Una delle più importanti cantine sociali d’Italia è in gravi difficoltà economiche. E la Provincia di Trento è costretta a scendere in campo nominando un amministratore straordinario. “I soci tengano duro”

La Vis
commissariata

La Giunta provinciale di Trento ha deciso il commissariamento della società cooperativa vitivinicola La Vis. Nata come cooperativa nel 1948, la Cantina La Vis oggi conta circa 1.300 soci per una superficie vitata attorno ai 1.400 ettari, dislocati prevalentemente nelle zone collinari a nord di Trento.

IL RITO

Ai piedi dei Peloritani una tradizione che va avanti da più di vent’anni: la capra al forno murata. Ecco come viene preparata

La capra di Salvatore

“Non si può capire Messina e il suo territorio se non si assaggia la capra di Salvatore”, così mi dice con accento marcato un messinese verace mentre aspetta la sua porzione di capra. Siamo ai piedi dei Peloritani, davanti ad una stanza di 30 mq, e Salvatore Vinci è il padrone di casa.

L’APPUNTAMENTO

Ancora una degustazione per il Mondello By Wine, iniziativa di Cronache di Gusto e della società Italo Belga. Di scena questo giovedì i vini dell’azienda Avide

Aperitivo
con vista mare

Ottimo vino e un paesaggio da sogno. Ecco gli ingredienti fondamentali dell’aperitivo Mondello By Wine, il ciclo di degustazioni organizzate da Cronache di gusto e dalla società Italo Belga. Anche questo giovedì sarà possibile partecipare alla degustazione che comincerà, come di consueto ormai, alle 19,30 presso il Mida Lounge bar di Valdesi.

L’INIZIATIVA

Cena tematica da Oliver Wine House a Palermo dal titolo “C’eravamo tanto amati”. Nel menu le pietanze di vent’anni fa. Ecco come prenotare

Piatti di una volta

“Involtini alla Russa”, “Tortellini panna e prosciutto”, “Torta Cortina”. Erano alcuni dei piatti tipici che circa vent’anni fa venivano proposti identici in qualsiasi cerimonia, per festeggiare un matrimonio ma anche una prima comunione o un battesimo. “Quelli che allora – commenta lo chef, Fabio Pacuvio – erano definiti più frequentemente col sostantivo di ‘trattenimenti’”.

L’INAUGURAZIONE

Anche nella Grande mela il superstore dell'alimentazione italiana ispirata a Slow Food che ha alle spalle l’esperienza di Torino. La struttura sulla Quinta strada

Little Eataly a New York

"Non siamo un salone del cibo. Siamo un 'alimentari' con saloni per assaggi e ristoranti. Non vogliamo che si venga da noi a mangiare e basta, ma che si venga, si assaggi qualcosa, poi si faccia la spesa e si provi a cucinare a casa". Mario Batali, top chef newyorchese, spiega il concetto di Eataly, il nuovo superstore dell'alimentazione italiana ispirata a Slow Food fondato a Manhattan da Oscar Farinetti. Eataly - un gioco di parole perché si pronuncia come Italy ma la radice è quella di eat, vale a dire mangiare - apre i battenti a New York dopo l'esperienza di Torino.

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search