Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 181 del 02/09/2010 il 04 Settembre 2010
di Redazione

L'ANTICIPAZIONE

Ecco le novità della guida ai vini de L’Espresso 2011. L’exploit della Sardegna, la delusione dell’Umbria. Rizzari: “Bene anche il Lambrusco, a torto snobbato”. E sulla Sicilia…

Etna e Faro
in grande spolvero

Sardegna in grande spolvero. Umbria deludente. Sicilia come sempre, con una grande affermazione dell’Etna e del Faro a dispetto del resto dell’Isola. E poi le conferme di sempre: Piemonte e Toscana. Sono alcune delle anticipazioni della Guida ai vini de L’Espresso edizione 2001 che sarà presentata (assieme a quella dei ristoranti) il prossimo 7 ottobre a Firenze.


Una guida che si presenta con una grafica rinnovata non solo nella copertina. Pagine più leggibili e numero di cantine in crescita: circa 2.700 contro le 2.500 dello scorso anno. Spiega Fabio Rizzari che firma la guida come curatore assieme ad Ernesto Gentili: «Aumenta la qualità media dei vini di vertice ed aumentano i vini premiati che passano da 215 ad oltre 230. La cosa più importante che abbiamo registrato è la crescita del numero di vini meno caricaturali, meno concentrati, meno alcolici. Insomma un nuovo stile di beva che già da qualche anno ha preso piede. Ed i produttori hanno risposto alla tendenza». Poi il giudizio su regioni e territori: «Siamo rimasti colpiti dalla Sardegna che ha presentato una batteria di vini molto originali e poco appiattiti. Mentre ci ha deluso l’Umbria, che secondo noi paga l’aver scommesso molto sullo stile internazionale e poco sulle tradizioni. Poi, Piemonte e Toscana confermano gli alti risultati. In Sicilia l’Etna e adesso anche il Faro si stanno rivelando territori molto importanti per il vino, i migliori dell’Isola. Mentre ci fa piacere che è migliorata moltissimo la qualità di un vino snobbato, a torto, come il Lambrusco». Una riflessione che spinge Rizzari ad affermare: «Bisogna recuperare il consumo quotidiano del vino. È stato un errore insistere sui premium wines. Come se in Italia si potessero sfornare grandi vini e grandi bottiglie da ogni territorio. Si è guadagnato in pulizia ma si sta perdendo il consumo quotidiano». E infine due anticipazioni su due vini siciliani che saranno premiati: un Marsala della Florio e il Passito di Pantelleria di Salvatore Ferrandes, «buono è dire poco».

F. C.


 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search