Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 182 del 09/09/2010
di Redazione

L'INDAGINE

L’Enoteca Italiana di Siena traccia un bilancio delle presenze estive. Tra i vini più venduti toscani in testa, ma anche altre regioni confermano buone performance commerciali. In calo la vendita delle bottiglie, cresce la richiesta di bianchi e rossi proposti a calice nel ristorante

Cosa beve
il turista

I turisti amano il vino italiano. Questo emerge chiaramente dal bilancio stilato da Enoteca Italiana di Siena, il più antico ente nazionale per la promozione del vino Made in Italy, durante il periodo estivo ancora in corso (giugno - agosto), registrando un boom di presenze: quasi 5000 visitatori al mese.


“Un ottimo risultato.- spiega Claudio Galletti (nella foto), presidente di Enoteca Italiana- Abbiamo avuto la presenza di francesi, italiani, giapponesi, tedeschi, inglesi, americani, spagnoli, olandesi, scandinavi, affascinati dalla nostra struttura e dalla nostra mostra multimediale con circa 1600 vini italiani in esposizione dimostrando la voglia di scoprire e conoscere le nostre eccellenze. Dell’80% di stranieri, il 30% è rappresentato da francesi, principali acquirenti di partite di bottiglie”.
Consumi: Gli italiani e i giapponesi sono i principali consumatori al winebar e Tignanello, Solaia, Sassicaia, Ornellaia, Biondi Santi, Amarone i vini più richiesti. La  vendita per bottiglia si divide soprattutto tra grandi vini: Barolo, Brunello, Chianti e Chianti Classico, Vernaccia di San Gimignano. Franciacorta, Prosecco e Lambrusco i vini non toscani più richiesti.


Turisti all’Enoteca italiana

Presso la prestigiosa sede dell’Enoteca Italiana, i bastioni di nord-est della Fortezza Medicea  di Siena, è situato anche il ristorante Millevini dove all’interno della carta dei vini sono presenti le eccellenze esposte.
E’stato registrato che a pranzo si beve soprattutto bollicine, bianchi giovani e rosati, rossi IGT giovani, mentre la sera a questi si aggiungono i rossi che bevono in abbinamento ai piatti del territorio (tagliata, Fiorentina, salumi e formaggi).
I turisti ai quali piace il vino ma lo conoscono poco (circa il 60%) si lasciano guidare dagli esperti sommier dell’Enoteca Italiana che, dopo aver ascoltato le loro esigenze, li aiutano a scegliere il vino giusto, con il miglior rapporto qualità/prezzo.
Vendite: Le vendite di bottiglie sono leggermente in calo rispetto agli ultimi anni, circa il 5%, dovuta con tutta probabilità, non solo alla crisi, ma anche alle problematiche di trasporto aereo e ai costi di trasporto via corriere. Gli acquisti di rilievo vengono effettuati dai francesi e olandesi  e dai turisti che si muovono con mezzi propri (auto, camper) in quanto ne fanno un uso immediato nel corso della vacanze oppure come ricordo di un’esperienza. E’ aumentata del 12% la vendita a bicchiere al wine bar, anche perché il cliente è sempre più curioso e con il costo per l’acquisto di una bottiglia riesce ad assaggiare almeno 4/5 tipologie di vino e di diverse regioni provenienza.


Un’altra immagine dell’Enoteca Italiana

Interessante è stata l’esperienza di alcuni turisti olandesi, tedeschi e francesi che hanno acquistato vino siciliano, pugliese, piemontese e calabrese. Al termine della vacanza in Toscana, sono ritornati per comprare altre bottiglie di Nero d’Avola, di Salice Salentino, Barbera e Cirò.
Il lavoro di promozione dell’Enoteca Italiana, riguarda anche corsi e degustazioni guidate. I turisti richiedono mediamente 4/5 vini in degustazione, prediligendo i bianchi del nord Trentino e le bollicine del Friuli Venezia Giulia. Preferiscono anche le eccellenze toscane quali il Nobile, Chianti Classico e Brunello ma anche vini del sud come il Moscato di Siracusa, la Malvasia delle Lipari, il Moscato e il Passito di Pantelleria. Molto richiesti sono i corsi di 2/3 ore sul vino con degustazione e l’80% delle domande proviene da stranieri.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search