Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 183 del 16/09/2010
di Redazione

L'ANNUNCIO

In Sicilia i residui della lavorazione del vino non dovranno più essere smaltiti nelle distillerie ma nei terreni delle stesse aziende. "Per la cantine vantaggi ambientali ed economici"

Vinacce,
cambia tutto

Nuove regole per le vinacce in Sicilia. D’ora in poi potranno essere smaltite nei terreni delle aziende vitivinicole. Non sarà più necessario trasportarle nelle distillerie per essere eliminate. Il decreto che fissa le nuove regole è stato firmato dal dirigente generale dell’assessorato regionale all’Agricoltura Rosaria Barresi che ha così recepito quanto disposto dal ministero delle Risorse agricole.

Per le aziende vitivinicole è un cambiamento significativo che scatta da subito. Non ci sarà più la necessità che camion e camion stracarichi dei residui della vinificazione partano per raggiungere gli impianti di distillazione.
Il decreto prevede che le vinacce e le fecce possano essere utilizzate come ammendante per migliorare la struttura della terra: si farà pertanto lo spandimento sui terreni, un uso agronomico su cui da tempo Bruxelles ha indicato le direttive con la nuova Ocm dedicata al vino. In Sicilia lo smaltimento delle vinacce, non più di 30 quintali per ettaro, sarà consentito entro il prossimo 10 dicembre. La Sicilia, grazie alla quantità di vino prodotto, può tirare fuori secondo una stima, fino a 900 mila quintali di vinacce. Talvolta qualche cantina riusciva a incassare dalle vinacce conferite in distilleria 50 centesimi a quintale. Più spese che guadagni, insomma ma la legge imponeva lo smaltimento in distilleria.
“E’ il primo passo – spiega la dottoressa Barresi – verso l’uso alternativo dei sottoprodotti della vinificazione. Le nuove regole aiutano la vita delle cantine e si traducono anche in minori costi anche ambientali. Basti pensare al viavai di camion lungo le strade della Sicilia tra le cantine e le distillerie. Un primo passo che potrà portare anche all’utilizzazione delle vinacce per fini energetici. Su quest’aspetto attendiamo anche le istanze delle aziende, noi siamo pronti ad intervenire”. 

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gabriele Boffa

Locanda del Sant'Uffizio Enrico Bartolini

Cioccaro di Penango (At)

1) Asparago, seirass e tuorlo al curry

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search