Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 184 del 23/09/2010
di Redazione

VINO E TECNOLOGIA

All’Irvv il cosiddetto “Wine Scan”, uno strumento che consente di analizzare nel dettaglio i campioni per fornire i parametri di un prodotto. E i tempi si accorciano

Così
ti scannerizzo
Bacco

Sono sufficienti appena trenta secondi adesso per fornire i parametri di un vino. Acidità, alcool, sostanze volatili, acido citrico, tartarico ed insomma tutte quelle componenti che caratterizzano un vino, passano sotto i ‘riflettori’ di un macchinario ad infrarossi, il cosiddetto ‘Wine Scan’. Quasi una radiografia dunque che permette di seguire i vari processi di vinificazione.

“Con i metodi classici – spiega Lucio Lo Monte, responsabile dell’Unità laboratorio dell’Irvv – occorrevano mediamente due giorni. Adesso siamo in grado di fornire in tempi molto più brevi risposte ai produttori andando incontro alle loro esigenze. Un metodo innovativo che agevola in particolare le cantine e le piccole e medie imprese”. Da luglio ad oggi infatti sono ben trecentocinquanta i campioni analizzati.
Un’analisi che permette di capire come sta procedendo la vinificazione offrendo nel contempo la possibilità di apportare modifiche qualora si rendessero necessarie. Un acquisto importante dunque nell’ottica della qualità ma anche dell’aspetto economico. E’ sicuro che al termine del processo di vinificazione il prodotto finale abbia raggiunto i traguardi prefissati.
“Un salto di qualità per l’Istituto regionale Vite e vino, – secondo il presidente Leonardo Agueci – non solo per l’ottimizzazione dei tempi ma anche per migliorare la tracciabilità dei vini siciliani adeguandoci ai parametri della Comunità Europea”. Ottantamila euro, questo è il costo del Wine Scan, spesi bene dunque: “L’acquisto – spiega Dario Cartabellotta, direttore dell’Irvv – rientra in una strategia di potenziamento dei laboratori che ci permette di avvicinarci alle utenze e soprattutto di adeguarci alle esigenze derivanti dal fatto che l’Istituto Vite e Vino è riconosciuto dalla Regione Siciliana come organismo di certificazione”.  Un potenziamento che si estenderà anche agli altri tre laboratori (Marsala, Alcamo e Milazzo) e agli altri due sportelli tecnici (Canicattì e Castiglione di Sicilia).

Sandra Pizzurro


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gabriele Boffa

Locanda del Sant'Uffizio Enrico Bartolini

Cioccaro di Penango (At)

1) Asparago, seirass e tuorlo al curry

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search