Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Le grandi verticali il 22 Ottobre 2013
di C.d.G.

di Andrea Gori

Come ci introduce Marc de Grazia (nella foto), qui abbiamo un territorio e un vino che non hanno niente a che fare con il sud, ma bensì un coacervo di terroir tra Piemonte e Borgogna con un clima bizzarro e imprevedibile che ti fa lottare fino all'ultimo soprattutto se vuoi altra qualità come si è rivisto proprio con questa 2013.

 Alla verticale andata in scena a Taormina Gourmet presenti tutte le annate del cru Guardiola tranne la prima di cui rimangono troppi pochi esemplari.

Ci troviamo nella zona tra Solicchiata fino a Randazzo che è sempre stata la zona più vocata e anche quella più coltivata sull'Etna con l'altro comune intensamente coltivato, ovvero Milo, dove piove 25 volte più che nel resto della Sicilia (il che significa 5 volte di più che sul resto dell'Etna, datoc he sull'Etna comunque piove 5 volte più che nel resto dell'isola).

Similmente al Pinot Nero, anche il Nerello non si può definire un "grande" vitigno, ma lo diventa sull'Etna. Per capirlo abbiamo assaggiato quasi tutte le annate del Vigna Guardiola, un cru va da 800 a 1000 mt che insiste su terreni basaltici ma non profondi dotati di un sottosuolo povero dove le vecchie vigne sopravvivono ma sono sottili e hanno fertilità scarsa. Il Guardiola è un vino dal carattere molto maschile ma con profumi intensi, una sorta di Farinelli dell'Etna, il famoso cantante lirico uomo ma capace di esprimere una gamma di note ed emozioni sia maschili che femminili.

Guardiola 2005 pepe, macis, salvia, cuoio, ribes nero, spezia orientale, cumino, tanta forza, vulcano zolfo e ferro, bocca selvatica e animale, ricchissima e contrastata, aperta e radiosa , finale lunghissimo . 91

Guardiola 2006  etereo e speziato, ferroso e alcolico, bocca mono dimensionale con frutto sotto spirito, buona vitalità ma alcol in evidenza. 82

Guardiola 2007 squillante e preciso, amarena e fragola, arancio rosso e menta, bocca dal tannino fine e ficcante, bocca che tiene e rilancia, compatto e teso. 87

Guardiola 2008 mallo di noce, cassis e miele di castagno, bocca elegante con tanta sostanza, alcol sotto misura, tabacco e cuoio, finale agrumato e aggraziato 90

Guardiola 2009 annata difficile e complicata come la 2013 ma bella risposta della vigna, anice e cardamomo, ciliegia e menta, bocca suadente di polpa e rabbia, bevibilissima, equilibrata , potente e finissima, grandiosa. 92

Guardiola 2010 ribes rosso e visciole, durone di menta, frutta di bosco e anice, bocca solare e balsamica, cardamomo e rabarbaro, mandorla, no muscoli e spessore, sapidità e tannino ben definito con acidità ottima. 90

Guardiola 2011 secondo Marc, la migliore mai prodotta e in effetti è classica nell'esprimere tutto l'esprimibile, archetipo di tutto quello che l'Etna può fare secondo Marc. Cesellata e finissima, lampone e fragola di bosco, liquirizia e menta, eucalipto e rafano, arancio e melograno, bocca decisamente in fieri ma stupendo davvero per integrità sapidità e tensione. Tannino pieno e ricco, acidità ficcante polpa e Spezia, grande. 94


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

1) Crocchetta di stoccafisso e crema di capperi

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search