Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2008 il 02 Aprile 2008
di Emanuele Di Bella
03-04-08 h 08.00

Oggi a Verona prende il via la 42° edizione del Vinitaly. La Sicilia dei record si presenta con un obiettivo: raccontare nel modo più naturale possibile il vino dell’Isola

Si parte... senza trucchi

Non c’è trucco. Il vino siciliano è un prodotto che ha soprattutto un aggettivo che lo qualifica: naturale. E con questo biglietto da visita l’Istituto regionale della Vite e del Vino si presenta all’edizione numero 42 del Vinitaly di Verona.
agueci_xvinitaly.jpg“È la nostra risposta – dice il presidente dell’Irvv, Leonardo Agueci -, la risposta della viticoltura siciliana all’enologia dei grandi Paesi europei che hanno detto sì al saccarosio nel vino. Questo è il nostro no allo zuccheraggio, ed è la prima strada per la tracciabilità del prodotto”. Meglio, dunque, il prodotto naturale, quello che l'Irvv vuol presentare a tutto il mondo, attraverso la presenza di 263 aziende siciliane al Vinitaly. È un record se si considera che nel 2005 erano 200, nel 2006 222 e l'anno scorso 236.
E l'istituto si coccola il vino dell'Isola. "Adesso in Sicilia ci sono nuove realtà – continua Agueci – basta guardare alla parte orientale dell’Isola e nell’entroterra. E poi c’è la riscoperta dei rossi, che quest’anno, per la prima volta, superano i vini bianchi che saranno portati nel padiglione 2”.
Secondo Giancarlo Conte, il vicepresidente dell’istituto di ricerca siciliano, il Vinitaly è un appuntamento irrinunciabile: “Verona è una fiera italiana di riferimento. Ma può essere un punto di incontro perché è ‘frequentata’ anche da buyers e importatori in arrivo da tutto il mondo. Il mercato è pieno di aziende siciliane e non, quindi tutti adesso devono trovare spazio all’estero. sparmaxvinitaly.jpgQuest’anno ci sarà una svolta verso l’America per via della crisi del dollaro, qualcun altro punterà all’est: Cina, Giappone, India, Russia”. Un modo per sfidare la crisi mondiale in corso. "La nostra tipicità, e anche il costo dei nostri vini - aggiunge Conte -, ci pone su un piano certamente privilegiato rispetto ad altri. Da parte nostra stiamo facendo un grande lavoro di consolidamento della qualità del vino siciliano, una grande operazione di marketing che precorre le azioni dell’Ue”.
Secondo il direttore dell’Istituto regionale della Vite e del Vino Gianmaria Sparma, il vino siciliano deve essere pronto a cambiare. “La nostra enologia – dice - è ancora di moda ma deve saper rinnovare la sua identità e a verso la qualità. Va bene il Nero d’Avola ma bisogna andare oltre. C’è un mondo oltre, c’è un panorama vitivinicolo”. E secondo Sparna i vigneti su cui puntare sono il grillo, il cataratto, l’inzolia e i rossi della Sicilia orientale. "Possiamo essere ancora sulla cresta dell’onda – conclude -, ma dobbiamo rinnovare la nostra identità. Finita la fase dei favolosi anni Novanta dobbiamo consolidarci negli Stati Uniti, in Germania, in Inghilterra e andare alla scoperta di nuovi orizzonti”.


G.L.M.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

1) Crocchetta di stoccafisso e crema di capperi

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search