Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2008
di Emanuele Di Bella

06-04-08 h 17.00

Una ricerca delle Università di Palermo e Bologna permette di ridurre i casi di allergie nei soggetti predisposti

Vini bianchi, al bando

l’anidride solforosa

Le Università di Palermo e Bologna hanno sperimentato la produzione di vino bianco riducendo al minimo l’impiego di anidride solforosa che può causare manifestazioni allergiche nei soggetti predisposti.

La fase di sperimentazione ha riguardato la vinificazione di Inzolia ed è stata condotta nelle cantine Foraci e San Francesco di Mazara del Vallo, nel Trapanese. L'anidride solforosa viene utilizzata per impedire la proliferazione batterica, controllare la flora fermentante e per le sue proprietà antiossidanti. In pratica, l’anidride solforosa è lo strumento principe per il controllo della stabilità chimico-fisica e microbiologica in vinificazione e la sua sostituzione richiede la risoluzione di una serie di problemi di carattere tecnologico. In assenza dell’anidride, i ricercatori hanno aumentato la sanità delle uve, l’igiene della cantina e delle attrezzature, la riduzione al minimo dei fenomeni di dissoluzione di ossigeno. In alternativa ai solfiti sono stati utilizzati un enzima, il lisozima, e il tannino di galla. “Si tratta di una sfida formidabile, ma i risultati sono stati molto positivi - spiega Dario Cartabellotta, dirigente generale dell’assessorato regionale all’Agricoltura -. Si possono aprire nuove opportunità per l'intero settore. Dalla ricerca scientifica possono arrivare le risposte che i consumatori cercano e la normativa europea c'impone”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search