Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Ore 15.12

Il titolare dell'azienda sarda: "Vendiamo le nostri bottiglie in maniera artigianale dopo il contatto diretto col cliente"

Dettori: niente agenti

“Io non seguo il mercato, produco vini che piacciono a me, vini del mio territorio, vini di Sennori. Sono ciò che sono e non ciò che vuoi che siano”. Questa è la filosofia di Alessandro Dettori, a capo di un’azienda che a inizio anno ha scelto di non avvalersi più di agenti per l’Italia, ma vendere esclusivamente dopo il contatto diretto col cliente.

“Noi siamo artigiani del vino e vendiamo le nostre bottiglie in maniera artigianale, solo a chi conosce la nostra azienda”, dice Dettori. Gli ordini arrivano dai clienti storici, che hanno accolto tutti entusiasticamente la nuova strategia aumentando le richieste, e dai nuovi, che diventano tali solo dopo un passaggio in azienda e un confronto davanti ai calici pieni. “Deve esserci un’intesa tra noi e il cliente, non è obbligatorio vendere. E’ importante invece avere un feedback istantaneo e il rapporto umano con le persone che chiedono i nostri vini, per capire se davvero piacciono”. Chi non può andare personalmente in azienda può comprare bottiglie e discuterne poi al telefono con Alessandro.

Le Tenute Dettori si trovano a Badde Nigolosu, in provincia di Sassari, nel comune di Sennori. Vi si producono cinque rossi, da vitigni di uva monica, cannonau e pascale, oltre a un moscato e un fermentino. Rigorosamente vitigni autocnoni, per andare incontro al terreno e non alle richieste del mercato.

L’azienda vende soltanto a ristoratori ed enoteche e se dei privati in visita in cantina chiedono di comprare, il prezzo è lo stesso di quello proposto dai locali. “Credo nel lavoro dell’oste – continua Dettori  - e il loro bagaglio culturale va salvaguardato. Senza di loro,  con la grande distribuzione nei supermercati, i vini di qualità si perderebbero e non avremmo queste richieste”. Il 50% del fatturato arriva dall’Italia, il 3% dalla Sardegna. All’estero hanno accordi con numerosi distributori e contatti importanti sono stati presi anche al Vinitaly, dove sono tornati dopo cinque anni, per riprendere il contatto diretto con le persone, ancor più fondamentale dopo la nuova scelta di non appoggiarsi su intermediari.

L’obiettivo della famiglia è quello di creare un’azienda agricola, per trarre il massimo da quello che la terra offre. Hanno già un agriturismo, dove a pranzo e a cena è servito il vino da loro prodotto.  “Tutti possono fare come noi e presentare i vini ai sempre più frequenti banchi d’assaggio – conclude Dettori - Noi siamo stati i primi a prendere una decisione così drastica e non avvalersi più della forte rete di vendita che avevamo. Ma abbiamo così tagliato un passaggio in più e ne beneficiano ora i clienti, a cui facciamo uno sconto del 20% che prima era la quota destinata alle provvigioni. Sono sicuro che molte altre aziende ci seguiranno”.

Bianca Mazzinghi

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Isa Mazzocchi

Ristorante La Palta

Frazione Bilegno - Borgonovo Val Tidone

2) Raviolo di ravioli in sei stagionature di Parmigiano Reggiano

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search