Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Ore 19.00

Francesco Avanzini, direttore commerciale Conad: “Puntiamo molto sui prodotti regionali”

“Gdo? Siciliani grandi
consumatori di vino”

Francesco Avanzini, direttore commerciale Conad racconta la situazione del vino siciliano nella Gdo (Grande distribuzione organizzata) tra le difficoltà dell’attuale crisi e la diffusione reale sugli scaffali. “Rendiamo conoscibili i prodotti locali per avvicinarli ai grandi volumi regionali”.

Qual è il futuro del vino siciliano nella Gdo?
“Come direttore commerciale della Conad posso dire che diamo molta importanza ai prodotti locali, sia all’interno della regione di provenienza, che nelle altre regioni italiane. La Sicilia è soggetta ad un’opera di equilibrio tra le quantità che proponiamo e la qualità, così come le altre regioni”.

Cosa ne pensa dell’attuale polemica tra la Gdo e le enoteche? E’ vero che gli enotecai si sentono delegittimati dalla grande distribuzione nel proporre vino di qualità?
“Credo che siano due mondi a parte. Noi proponiamo vini di medio bassa qualità, garantendo fasce di prezzo diversificate, mentre gli enotecai hanno un pubblico ben diverso, clienti che entrano con l’intenzione non solo di acquistare vino, ma anche possibilmente di consumarlo in loco. Credo dunque che ci sia spazio per tutti”.

Cosa suggerirebbe ai produttori?
“Di diversificare meglio la loro offerta proponendo alla Gdo una linea base, e destinando la nicchia alle enoteche”.

E’ vero che l’accesso alla Gdo è economicamente penalizzante per i produttori di vino?
“La Conad sceglie i produttori sulla base di criteri di vendibilità e di assortimento dei prodotti. La frammentazione è un requisito che non si può prescindere, ed è regolato da criteri che certamente non saranno possibili per le tasche di tutti i produttori. D’altra parte quando si ha a che fare con un sovradimensionamento dell’offerta, bisogna attuare delle scelte”.

C’è una differenza sostanziale tra il nord ed il sud Italia nella Gdo?
“Ci sono regioni che producono di più, altre meno, così come ci sono regioni che consumano di più di altre. Posso dire che la Sicilia consuma molto ed in modo uniforme”.

Come commenta la polemica sul Nero D’Avola, che viene venduto al supermercato a prezzi bassissimi, nonostante sia il vitigno bandiera della Sicilia? Crede che questo rappresenti un danno per i produttori locali?
“Conad non applica una politica di pressione sui prezzi a discapito della qualità, ma vuole garantire varietà di prodotti per tutte le tasche. Il vino deve essere pensato come elemento tipico della dieta mediterranea e dunque come alimento. Personalmente credo che la realtà di vendita del Nero D’Avola  sia un ottimo modo per veicolare un prodotto in modo base. Per farlo conoscere insomma. Poi chi vuole approfondire questo vitigno andrà a rivolgersi ai produttori di eccellenza siciliani”.

Quale politica adotta Conad per promuovere i prodotti locali?
“Quella di garantire una vasta gamma di prodotti sul territorio d’origine, dunque di prodotti siciliani in Sicilia. Ma non solo, anche quella di promuovere le specialità regionali in altre zone d’Italia per farle conoscere”.

Laura Di Trapani

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

1) Ricciola marinata allo Chartreuse e zuppetta di finocchio al lime

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search