Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2010
di Redazione

Ore 17.51

Presentato il progetto sperimentale della cantina Viticultori Associati. I luoghi di Pirandello punto di partenza dell’enologia moderna siciliana

Il vino va in miniera

Taccia dei Caci, la miniera di Ciaula guarda la luna, diventa culla per il vino. È il progetto in via sperimentale presentato dalla cantina viticultori Associati di Canicattì, neo medaglia d’oro del Vinitaly. Si tratta di affinamento nel sottosuolo e partirà ad ottobre. Per anni gestita dalla famiglia di Luigi Pirandello, la miniera si trova all’interno del parco minerario del comune di Aragona e ad ottobre accoglierà nelle sue gallerie le prime bottiglie.


“Con questo programma – spiega Giovanni Greco, Presidente della Cantina Viticoltori Associati – vogliamo fondere un pezzo di storia della Sicilia con un visione moderna di enologia e turismo. Il vino in miniera infatti segna, idealmente, il riscatto di quest’ambiente estremo, che da luogo tetro può trasformarsi in un ambiente ideale per l’affinamento dei nostri vini”. Infatti le condizioni termiche e di umidità adatte e favorevoli per l’affinamento. Dietro al progetto c’è la consulenza di Antonio Guzzo: “Nei vini che otterremmo potremo esprimere la massima qualità con la cultura del territorio”. Ad ottobre il progetto potrà partire. “Già è iniziata la preparazione del sito con la collaborazione del comune, attendiamo solo le autorizzazioni”, dice Greco. Si apre un nuovo capitolo per le cantine sociali che si confermano alla pari dei grandi nomi del vino. “Le cantine sociali non fanno più vino di massa. Un preconcetto del passato. Adesso le cantine sociali fanno qualità”, afferma con orgoglio il presidente. Il progetto suggellerebbe una nuova consapevolezza dell’enologia siciliana, come sostiene Fabio Granata. “Abbiamo unito l’innovazione alla tradizione in una forma identitaria aperta alla grande enologia nazionale”.

Manuela Laiacona


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search