Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY



ore 19.08

La degustazione dei vini del 2000. Tecnici ed appassionati hanno promosso le etichette siciliane che sfidano il tempo

La longevità che piace

A Verona la Sicilia che sfida il tempo piace e sorprende. I dodici vini siciliani dell’annata 2000, presentati al wine tasting organizzato da Cronache di Gusto in collaborazione con l’Istituto Regionale della Vite e del Vino, hanno conquistato esperti e appassionati italiani e stranieri. Un bianco, nove rossi e tre dolci, ciascuno espressione di uno specifico territorio vitivinicolo dell’Isola.


Da nord a sud, isole minori comprese, dieci anni dopo, si è rivelata una Sicilia forte, concentrata, con un bouquet di aromi e profumi ancora vivo e carico. Avere potuto assaggiare così tanti vini nello stesso momento, per molti operatori del mondo del vino è stata una grande opportunità per apprendere le potenzialità dell’enologia siciliana. Lo afferma Brandy Falconer giornalista californiana del magazine Grapelive.com: “Negli Stati Uniti i consumatori non sono abituati a cercare vini longevi di un particolare territorio. Se li acquistano, cercano i vitigni più conosciuti. Questa degustazione dimostra che sull’Isola non si trova solo vino ma valore. Il valore al giusto prezzo. E questo noi comunicatori vogliamo fare arrivare alla gente. Sono davvero rimasta impressionata di come, anche dopo dieci anni, si siano mantenuti così forti i profumi”.
Anche l’Olanda è stata conquistata dalla longevità. Robert W. van MBA, buyer olandese, ha manifestato il suo entusiasmo per l’opportunità di potere assaggiare in un colpo solo l’Isola. “Un’occasione per noi stranieri di poter testare le differenze del territorio. Zone così diverse l’una dall’altra, proprio dal punto di vista della percezione”. Il parere dei tecnici più famosi d’Italia, Bambina e Centonze inquadrano questi vini come figli del loro tempo, ottimi esemplari di un’annata particolare molto calda. “Il 2000 è stata un’annata in cui si faceva vino seguendo l’evoluzione del rosso californiano, prediligendo la concentrazione e la potenza. Esemplari eccellenti in cui però manca la differenziazione territoriale. Cosa su cui adesso vogliamo e dobbiamo puntare”. Dello stesso avviso l’ex ministro Calogero Mannino, produttore della cantina Abraxas, presente al tavolo di degustazione: “La Sicilia a lungo termine può funzionare, però se si parte dal mantenimento delle differenze territoriali. Non è più un problema di vitigno, la differenza sta nel territorio”. Il pregio di avere mantenuto intatte le caratteristiche dell’uva e del territorio è ciò che lo ha entusiasmato. “Per quanto riguarda i rossi – aggiunge Mannino - distinguere alcuni significa fare torto agli altri. Tutti hanno mantenuto intatte le loro caratteristiche. E questo è un gran pregio”.
La complessità e la stratificazione sono le caratteristiche che più hanno colpito i palati degli esperti, come Fiorenzo Sartori, enotecaro genovese di Vinoteca-online.com. “La longevità è un plus, certo difficile da reperire. Il tempo misura la qualità. I vini longevi, anche quelli siciliani, possono avere un mercato. Ma devono essere spiegati e comunicati”. A prendere appunti  sono stati i degustatori non esperti ma curiosi. “Qua ci si perde – dice Luisa Agostinis appassionata di vino friulana -. Abbiamo degustato Cabernet longevi friulani. I cabernet che abbiamo assaggiato adesso però sono molto più profumati e più alcolici”.

Manuela Laiacona

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

1) Ricciola marinata allo Chartreuse e zuppetta di finocchio al lime

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search