Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2010
di Redazione

Ore 14.51

Pierpaolo Messina, patron dell'azienda siciliana Marabino: "Tante similitudini tra noi e la Toscana, dalla passione per i rossi alla utilizzo della botte grande"

Noto è la nostra Montalcino

"Come in Toscana il Sangiovese è il vitigno principe, così lo è in Sicilia il Nero d'Avola, la cui massima espressione si ritrova nelle zone d'origine, tra Noto e Avola: il territorio di Pachino, in particolare, ha una sottozona di riserva di Nero d'Avola". Pierpaolo Messina, patron della cantina Marabino, nella parte sud orientale dell´isola, ha studiato cinque anni a Siena, qui ha fatto il corso per diventare sommelier, abituando il palato al gusto toscano, e ora prova a "portare e trovare similitudini tra Montalcino e Noto".


"Innanzitutto - dice Messina - sono entrambe terre di rossi e gli unici bianchi prodotti sono di moscato". In questa parte di Sicilia si beve rosso e si mangia pesce, al punto che gli anziani del luogo non concepiscono l'accoppiamento del pescato con il bianco. Montalcino non è zona di mare, ma, continua Messina, ha in comune con Noto una lunga tradizione vitivinicola, in aree in cui la coltivazione della vite è stata per lungo tempo l´attività agricola prevalente.
"Un altro aspetto che unisce i due territori è poi l'utilizzo della botte grande. Il nostro è stato un ritorno alla tradizione. Abbiamo deciso di non usare barrique per ottenere un prodotto più elegante, senza forti sapori di minerali".
Sul versante delle innovazioni, Morabino ha invece fatto da poco un vino senza solfiti, al 100% naturale, che al momento è in fase di studio. Le 2.000 bottiglie prodotte saranno quindi vendute esclusivamente nel siracusano.
L´azienda vuol porre molta attenzione alla cura del territorio, scegliendo prodotti naturali che seguono i principi dell´agricoltura biodinamica,  "per aiutare la vigna a trovare e mantenere l´equilibrio in sintonia con la natura e per far esprimere finalmente al vino la profondità del carattere della propria terra". L´obiettivo è infatti quello di riqualificare una zona che è centro di grande interesse e di valorizzare l´area attraverso vini pregiati, che le caratteristiche pedoclimatiche consentono di ottenere.

Bianca Mazzinghi


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search