Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2010
di Redazione



ore 14.07

Ottimi risultati per operatori commerciali e produttori. Agueci “La carta vincente per promuovere la nostra Regione”

Taste&buy, debutto felice

Vinitaly. 30 tavoli per trenta buyers provenienti da tutto il mondo, nell’area business del padiglione Sicilia è partito il taste&buy. L’iniziativa promossa dall’Istituto Regionale Vite e Vito, dalle ore 10 sta vedendo le cantine siciliane alternarsi in un frenetico turn over, di 30 minuti ciascuno, presso le postazioni dei buyers. Fittissima la lista degli appuntamenti dei responsabili commerciali che si protrarranno sino al pomeriggio.


Soddisfatto il presidente dell’Irvv, Leonardo Agueci, che sta monitorando l’area degli incontri. “L’iniziativa è un’esperienza da continuare. In linea con la filosofia del nuovo padiglione che valorizza il territorio, questi incontri sono stati pensati per raccontare le esperienze dei produttori e per fare conoscere le diverse realtà territoriali”. Un momento importante e necessario per sostenere le cantine ed anche i nomi del vino meno conosciuti. “Il taste&buy è un’arma vincente – sostiene Agueci -. Soprattutto nei confronti della concorrenza globale. La Sicilia può offrire un’alternativa interessante in questo momento, per il rapporto qualità/prezzo”. Anche i due attori commerciali del vino, produttori e buyer, a poche ore dall’inizio, si ritengono soddisfatti. “E’ la prima volta che vengo qui al padiglione Sicilia e che partecipo a questa iniziativa. Penso sia una buona occasione per incontrare le cantine. Un’opportunità per loro anche di entrare in un mercato nuovo”, dice Julia Han, manager coreana della Twin Wine Shop. Prima volta anche per Rüdiger Kühnle buyer tedesco. “E’ un’iniziativa interessante perché consente di incontrare cantine poco conosciute. Ben organizzata, è la prima volta che vengo al padiglione Sicilia”. Anche Amy Bu, importatrice cinese, ha accolto con favore questi incontri: “Per noi è molto utile prendere i contatti in questo modo. Devo ammettere che l’organizzazione e la gestione del tasting è eccellente”. Parere favorevole anche dagli Stati Uniti. Eric Swindle, buyer texano, vede il taste&buy come un viaggio virtuale dell’Isola. “Sto conoscendo i diversi stili dei vini siciliani. Da quelli più tradizionali a quelli più moderni. Posso avere un panorama di tutta la variegata offerta della Sicilia, che costituisce un mondo del vino a sé”. Produttori e agenti commerciali sono ottimisti sui risultati. “I buyer che sto incontrando sono tutti contatti nuovi. Per noi è aumentata la probabilità di incontrarli, in modo più agevole piuttosto che riceverli allo stand”, dice Richard Scamacca, produttore della cantina Fatascià. Francesco Cuccurullo, produttore di Grottarossa Vini, conferma il successo di questo esperimento anche se lo spazio a disposizione sarebbe troppo esiguo. “Esperienza più che positiva. Assolutamente da ripetere – dice il produttore -. Il tempo a disposizione è sufficiente. Anche se un po’ ci si accavalla, perché alcuni produttori si prendono troppo tempo. La logistica è da migliorare. Si dovrebbe organizzare in uno stand più grande”.

Manuela Laiacona
 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search