Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2013 il 07 Aprile2013


da sinistra Michele Zonin, Valentina Argiolas, Bruno Alvisini e Davide Mascalzoni

Nonostante la crisi economica abbia investito anche il settore vinicolo provocando una riduzione dei consumi soprattutto in Italia, i produttori dello stivale si aspettano un Vinitaly d’eccellenza con una maggiore attenzione da parte dei mercati stranieri dove il vino italiano è molto apprezzato.

Il salone internazionale del vino e dei distillati, che si terrà a Verona dal 7 al 10 aprile, è un appuntamento che gli esperti vignaioli non si lasciano scappare. Ma cosa si aspettano i produttori italiani da questo Vinitaly?

Se lo aspettano più magro a causa proprio della crisi o hanno comunque delle grandi ambizioni? Michele Zonin, vice presidente di Casa Vinicola Zonin che distribuisce e commercializza i vini e spumanti a marchio Zonin e delle dieci tenute di famiglia, dice: “Ci aspettiamo una maggiore attenzione da parte dei buyer stranieri e in particolari dalle realtà quali l’Inghilterra, gli Stati Uniti e la Germania. Anche i mercati cinesi e quelli sud americani, come il Brasile - continua Zonin, delegato anche alla supervisione finanziaria e legale dell’azienda - sono molto interessanti al vino italiano che negli ultimi anni ha fatto grossi salti di qualità e il cui rapporto qualità/prezzo è eccellente. Al Vinitaly porteremo ciò che abbiamo fatto nelle tenute di famiglia nel veneto - aggiunge il vice presidente della casa vinicola Zonin - dove abbiamo raggiunto livelli eccellenti di qualità, molto apprezzati nel mercato straniero”.

Dalla regione veneta alla Sicilia, dove Bruno Alvisini direttore generale dell’azienda Fazio di Erice-Fulgatore, in provincia di Trapani, immagina un Vinitaly con minor presenze rispetto agli altri anni: “Quest’anno molti produttori e consumatori andranno alla fiera di Bordeaux e difficilmente riusciranno ad essere presenti a Verona. Nonostante tutto ce lo aspettiamo entusiasmante, con un’attenzione soprattutto da parte dei distributori cinesi. Presenteremo i vini doc Erice come il Grillo, il Catarratto e il Muller Thurgau ma anche le uve Syrah da destinare al bar o per aperitivo e un light wine”.

Benedetta Poretti, responsabile della comunicazione delle Cantine Duca di Salaparuta, a Casteldaccia in provincia di Palermo, dice: “La nostra attenzione va ai mercati esteri e l’area manager ci ha assicurato che ci saranno molti clienti. Porteremo un’edizione super limitata di un vino nuovo - spiega Poretti - per festeggiare i 180 anni della cantine Florio”. Antonio Rallo, presidente di Assovini Sicilia e patron di Donnafugata a Marsala in provincia di Trapani, è ottimista: “Abbiamo grandi aspettative riguardo ai mercati esteri - dice Rallo che parla di vendita in crescita ben oltre al dieci per cento nei primi due mesi del 2013 rispetto all’anno scorso - soprattutto il Canada, gli Stati Uniti e l’estremo oriente, la Cina, il Giappone e la Corea del sud. Alla fiera porteremo un Grillo in purezza prodotto l’anno scorso”.

Fabio Rizzoli, amministratore delegato Feudo Arancio del gruppo Mezzacorona, afferma: “Al Vinitaly non solo si discute di affari, ma ci si confronta sulla materia con gli altri produttori e si incontrano i propri clienti. Punteremo sul nostro Grillo in purezza – continua Rizzoli - e dodici anni fa, fummo i primi a scommettere su questo grande vitigno siciliano”.

Diego Cusumano, titolare dell’omonima azienda di Partinico nel palermitano, afferma: ”Guai a non essere ottimisti, abbiamo già fissato numerosi incontri con gli operatori stranieri. Il nostro Vinitaly - continua Cusimano - dura tutto l’anno, comincia a gennaio e finisce a dicembre”. Sempre in Sicilia, la tenuta Baglio del Cristo di Campobello di Licata, in provincia di Agrigento, sarà presente al Vinitaly: “Siamo ottimisti, crediamo nel nostro lavoro - afferma Carmelo Bonetta, tra i leader dell’azienda - e nel fascino del territorio isolano. I vitigni autoctoni sono particolarmente apprezzati all’estero”.

Anche Davide Mascalzoni, direttore generale di Gruppo italiano Vini, è ottimista perché nonostante il quadro sia peggiorato per il mercato italiano, il vino mantiene sempre un alto interesse: “L’anno scorso pensavamo che sarebbe andato male ma poi si è rilevato un successo, probabilmente è stata apprezzata la nuova formula che ha visto il Vinitaly svolgersi nei giorni tra domenica e mercoledì. Già da sabato, due delle nostre cantine, saranno presenti all’evento Opera Wine organizzato dalla rivista Usa Wine Spectator - afferma Mascalzoni - che viene organizzato nel Palazzo della Gran Guardia in piazza Bra per far conoscere agli operatori le 100 migliori cantine italiane”.

C’è chi invece non sa cosa aspettarsi quest’anno: “Sarà sicuramente positivo per il versante estero - dice Valentina Argiolas dell’azienda di Serdiana, nel sud delle campagne della Sardegna - soprattutto dopo la ripresa dei mercati tradizionali. Al Vinitaly, presenteremo un’edizione limitata del Turriga, per festeggiarne i vent’anni di produzione. Il vino nasce da un uvaggio nel quale predomina il Cannonau ma sposato al Carignano, al Bovale e al Malvasia nera”.

Antonella Rizzuto

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Abbruzzino

Ristorante Abbruzzino

Catanzaro

3) Anatra, kumquat e semi di zucca

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search