Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi

Andrea Camaschella

Marina V. Carrera

Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone

Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri

Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi

Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri

Enzo Raneri

Mauro Ricci

Emanuele Scarci

Marco Sciarrini

Sara Spanò

Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli

Maristella Vita

Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2012 il 26 Marzo 2012
di C.d.G.


Presentazione del progetto alla presenza di Gaetano Armao
e Dario Cartabellotta e con Valentina D'Urso e Ivana Calabrese

È stato presentato nella giornata di esordio del Vinitaly il progetto a sostegno della legalità della regione siciliana, gestito dal Ministero dell’Interno e cofinanziato dall’Unione Europea, per la riconversione di terreni confiscati alla mafia del fondo Verbumcaudo, appartenuto a boss mafiosi, grazie alla coltivazione di uva e la produzione di vini di qualità.

“La più grande soddisfazione - riferisce l’assessore regionale dell’economia, Gaetano Armao – è quella di essere riusciti a fare sistema integrato in Sicilia. Un feudo dell’entroterra siciliano, precedentemente simbolo del potere mafioso – continua  Armao - è oggi un bene assegnato alla regione Sicilia dallo Stato, che non era più in grado di sostenerne i costi del mutuo, e che sarà presto affidato al Consorzio sviluppo e legalità che porterà avanti il percorso verso la produzione vitivinicola”.

Tra gli intervenuti moderati da Dario Cartabellotta dell’assessorato regionale delle risorse agricole e alimentari,  Valentina D’Urso, rappresentante dell’autorità di gestione del PON sicurezza e legalità in cui rientra questo progetto, ha sottolineato l’importanza di queste iniziative per favorire lo sviluppo della legalità e creare nuove opportunità di lavoro attraverso la creazione di centri produttivi, specificando che sarà garantita l’assistenza tecnica all’innovazione per la riqualificazione delle aziende confiscate alla mafia.

Il presidente del Consorzio sviluppo e legalità, il sindaco del comune di Monreale Di Matteo, ha precisato che presto Verbumcaudo sarà affidato per la gestione ad una cooperativa organizzata sul territorio. Esempi di realtà di riscatto già esistenti sul territorio e che operano con risultati ben più che apprezzabili sono diversi, tra cui Centopassi e la cooperativa Aurora Onlus, un’associazione di genitori di bambini autistici, che si è aggiudicata in bando pubblico, come unica offerente, 12 ettari di vigneto sequestrati alla mafia nella zona di Partinico.

“Abbiamo avuto i terreni in affidamento a luglio – racconta Ivana Calabrese, presidente della cooperativa – ed abbiamo vendemmiato insieme ai nostri ragazzi a settembre.  Abbiamo portato in anteprima al Vinitaly il vino prodotto, simbolo del nostro impegno alla lotta alla mafia”.

Al progetto Verbumcaudo ha contribuito anche la Scuola siciliana del cinema, realizzando un corto che sarà disponibile on line. Infine, l’assessore Armao ha reso noto che un altro podere, quello di Suvignano, è stato confiscato ed è già stata avanzata una richiesta di affidamento congiunto alla regione Sicilia e Toscana , con l’intenzione di costruire un progetto che comprenda dei percorsi di turismo della legalità.

Daniela Corso


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search