Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Storie il 20 Aprile 2017
di Fabrizio Carrera


(ph Giovanni Franco)

di Giovanni Franco

Tempo tiranno, che non passa mai, quando non si lavora. E per chi è stato impegnato con un mestiere per tanti anni, è ancora più dura vedere trascorrere le ore. Stare davanti al computer o alla tv, non se ne parla. Oziare men che meno. Per Nicola, sbarcare la giornata, stando con le mani in mano dopo avere venduto il suo negozio di tabacchi era diventato un problema. 

Già perché dopo avere rinunciato ad esserne titolare aveva "lavorato" per sei anni "gratis" in quello che era il suo esercizio commerciale. "Per tenermi impegnato", racconta aspirando il fumo di una sigaretta. Una delle tante accese durante il giorno. "Prima consumavo tre pacchetti di bionde, quasi per pubblicizzare i prodotti che vendevo, ora sono passato ad uno solo", dice tossendo. Parla seduto davanti alla trattoria La Timpa, un piccolo locale del borgo marinaro di Santa Maria La Scala, in via Tocco, ai piedi della riserva Riserva naturale orientata, gestito energicamente in modo matriarcale. Poche specialità, ma tutto preparato al momento.

"Sapori genuini, raccolti dalla nostra tradizione culinaria e trasformati in una preziosa storia familiare", dicono dalla cucina. Le pietanze sono a base di pesce rigorosamente fresco, selezionato dall'esperienza di Turi; è cotto alla brace, insaporito, con olio e limone, accompagnato da vini tipici dell'Etna. Ottimi gli spaghetti con cozze e vongole, la parmigiana di tonno e il tortino di acciughe. Infine si può gustare la famosa granita preparata con maestria dalla signora Tanina, che fa filare tutti in cucina, con voce ferma. "Da dodici anni ogni giorno vengo a pranzare qui, ormai sono uno di famiglia, a volte mi servo anche da solo", dice l'ex tabaccaio. Lui abita a Misterbianco in una casa a due piani costruita su un terreno, acquistato anni fa. E percorre, quotidianamente, venticinque chilometri per arrivare alla trattoria. "Da quando sono vedovo questo posto fa parte della mia vita". Nicola è originario della Campania. Ha vissuto anche a Milano. Poi conobbe una ragazza catanese e si sposò con lei. Comprò la tabaccheria a Catania. "Nella mia stessa palazzina abita mia figlia. Con lei di solito ci vediamo la sera a cena, quando non c'è mangio un po' di biscotti. Non ho mai cucinato. E poi a letto", dice.

Il tempo impiegato per giungere da casa alla trattoria fa parte dell'organizzazione della gestione del tempo. "Alcune persone mi offrirono una casa a Santa Maria La Scala, ma rifiutai. Mi sarei fossilizzato qui", osserva. Dopo pranzo si siede sotto il pergolato a fumare e a guardare il panorama con il mare a perdita d'occhio e a chiacchierare a volte con i turisti che fanno tappa a La Timpa. Ma sono questi i soli momenti concessi all'odioso ozio. Sono già le 15,30. E Nicola guarda l'orologio. Casualmente sulla parete dietro di lui c'è una piccola targa in ceramica con scritto "La tua invidia è la mia fortuna", scherzi del destino. "Adesso devo andare - dice - vado ad aprire la porta di un ufficio ovvero una sala dove altri anziani si riuniscono a giocare a carte naturalmente senza soldi, casomai con in palio una bibita". Non c'è bisogno di dire, lo avrete già capito che, anche questa occupazione , il campano trapiantato in Sicilia, la svolge gratuitamente. Al tramonto poi a casa. "Un po' di notiziari, una carezza ai due gatti Tomato e Ketchup, padre e figlio, e poi a nanna", sorride. Domani si ricomincia. Altro giro, altra corsa, senza mai fermarsi.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Donato De Leonardis

Don Alfonso San Barbato

Lavello (Pz)

3) Faraona ripiena con il suo filetto tartufato e verza

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search