Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Taormina Gourmet 2017 il 23 Ottobre 2017
di Fabrizio Carrera


(Ampelio Bucci - ph Vincenzo Ganci)

“Se sa di Bucci sono contento”, si potrebbe sintetizzare in questa frase la filosofia che anima l’operato di Ampelio Bucci. Il “re del Verdicchio” è stato protagonista di una delle Masterclass più attese di questa edizione di Taormina Gourmet in cui sono stati confrontati tre vini base (Doc Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore 2016, 2014 e 2012) e tre “Riserva (Doc Verdicchio dei Castelli di Jesi Calssico Riserva Villa Bucci 2007, 1997 e 1992).

“Per comprendere un vino – ha spiegato - è necessario partire dalla storia e dalla geografia di un territorio. Nelle Marche, in questo senso, ha svolto un ruolo molto importante la cultura mezzadrile. Oggi si parla sempre più di una cultura bassa delle cose che si fanno: la nostra era poverissima, ma comportava che i terreni fossero dei veri giardini”. Il produttore ha poi raccontato dei metodi di coltivazione delle vigne adottati dalla propria azienda, sottolineando come ciascuna di esse sia orientata in una direzione diversa. Poi ha parlato dell’attività di quest’anno. “Abbiamo avuto l’ultima pioggia il 27 d’aprile e non abbiamo visto acqua fino al 15 settembre. Il 2017 sarà una scommessa, ma il 2016 è un nostro punto d’orgoglio”.

LA DEGUSTAZIONE. Proprio il Verdicchio 2016 è stato definito durante la degustazione da Oscar Farinetti “il più buon Bucci giovane che ho bevuto nella mia vita”. In effetti i vini base da noi degustati si caratterizzano per una maturità che li rende estremamente maturi. Il 2014 in particolare esprime delle note che iniziano a farlo somigliare ai Riserva. Questi ultimi sono il vero fiore all’occhiello della degustazione, con una particolare eccellenza nel vino del 1992, ancora al limite sul piano della freschezza, che esprime una certa presenza iodata con note tostate, di nocciola e mandorla. 

L’IMPORTANZA DELL’IMMAGINE E IL FUTURO. Nel raccontare la sua esperienza, Ampelio Bucci non poi ha mancato di confrontarsi con le esigenze del presente. “Quando ho iniziato la mia avventura non avevo dato peso all’immagine. Eppure provengo da una zona in cui la cultura estetica è la più bella di quelle rinascimentali”. A fronte della continua ricerca di creatività dei suoi concorrenti, il produttore ha deciso di approcciare un’etichetta classica. “È stata una vera scelta di rottura – spiega ancora – che è perdurata negli anni. L’aspetto più interessante è che col tempo abbiamo rimosso la dicitura Verdicchio e nessuno se n’è accorto. Ciò sottolinea l’importanza dell’immagine, che oggi rappresenta uno degli elementi più importanti, assieme al territorio. È su questo che devono lavorare i giovani”. 

Giorgio Romeo

ALCUNE FOTO DELLA DEGUSTAZIONE (ph Vincenzo Ganci)








(Francesca Ciancio e Ampelio Bucci)





 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Savino Di Noia

Antica Cantina Forentum

Lavello (Pz)

3) Baccalà alla lucana

Sud Top Wine

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search