Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Taormina Gourmet 2018 il 28 Ottobre 2018
di Fabrizio Carrera

A chiudere la seconda giornata di Taormina Gourmet un'altra imperdibile degustazione tutta dedicata agli amanti dello champagne. 

Protagonista La Maison di Champagne Bruno Paillard, una delle aziende più affermate, distribuite in Italia da Cuzziol, indipendente e a conduzione familiare. L'azienda è giovane, nasce infatti nel 1981 con un vigneto d’eccezione situato nel cuore della Champagne. Per questa azienda nulla è lasciato al caso. Ciascuna tappa dell’elaborazione dei vini è curata con grande attenzione. Viticoltura sostenibile, prima spremitura dei vitigni chardonnay, meunier e pinot noir, vinificazione separata di ciascun cru in botti di legno o in acciaio, assemblaggio dei vini di riserva, dosaggio extra brut, durata dell’invecchiamento da 2 a 4 volte più lunga sono solo alcuni degli accorgimenti che rendono questa azienda un vero fiore all'occhiello della Francia enologica. La maison, inoltre, è stata la prima a indicare la data di sboccatura sulle sue bottiglie affinché ogni amatore possa scegliere quando degustare le bottiglie. 

Una verticale di Blanc de Blancs della Maison Bruno Paillard che ha permesso l'assaggio dei vari millesimati tra cui un 1996 da bottiglie magnum, un'occasione unica per conoscere da vicino un grande champagne. A condurre la degustazione Andrea Gori, giornalista ed esperto proprio di champagne insieme a Tommy Monari, brand ambassador della maison Bruno Paillard, che ha detto "Sono champagne gastronomici, adatti, cioè, ad accompagnare pietanze di vario genere grazie ad una bollicina setosa e mai invasiva". 

Ecco i vini degustati 

Blanc de Blancs Grand Cru Extra Brut 60 mesi (degorgement marzo 2017)
Giallo cristallino. Al naso esplodono la pietra focaia, la crosta di pane e sentori gessosi. In bocca è un trionfo di frutta matura, note candite mai eccessive. 

Blanc de Blancs Grand Cru Extra Brut 60 mesi (degorgement marzo 2013)
Giallo paglierino carico. Naso intenso di crosta di pane ma anche umami e salsa di soia. Bocca frasca, sapida dal sorso vibrante e persistente. 

Blanc de Blancs 2006
Naso di burro e miele, frutta secca e mandorle tostate. In bocca è fresco, intenso, fragrante e il sorso non lascia  indifferenti. 

Blanc de Blancs 2002
Un vino che fa gola ai golosi. Non certo perché sia dolce ma per la succulenza del sorso. Giallo dorato brillante. Naso strepitoso con note caramellate, di frutta candita, di mela cotogna, pera e pesca sciroppata. In bocca non delude, anzi. Mantiene la promessa olfattiva e, anzi, la freschezza è sapidità ne esaltano le note fruttate regalando intensità e persistenza al sorso. 

Blanc de Blancs 1996, Magnum
Giallo oro con riflessi brillanti. Naso intenso ed accattivante. Note burrose e di pasticceria vengono sferzate da sentori agrumati e di pepe bianco. In bocca sorprende per l'eleganza e la freschezza che fa del passare del tempo un dono prezioso. Sorso indimenticabile.

Manuela Zanni

ALCUNE IMMAGINI DELLA MASTERCLASS








Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Donato De Leonardis

Don Alfonso San Barbato

Lavello (Pz)

3) Faraona ripiena con il suo filetto tartufato e verza

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search