Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Taormina Gourmet 2019 il 26 Ottobre2019

di Andrea Camaschella

Eugenio Signoroni ha un palato sopraffino, una laurea in Scienza Gastronomiche conseguita a Pollenzo (CN), lavora in Slow Food Editore e oggi è il curatore di due dei prodotti di punta della casa editrice: la Guida alle Birre d’Italia e la Guida alle Osterie d’Italia. 

A lui è toccato il compito di aprire ieri il percorso sulle birre a Taormina Gourmet con il corso “Produrre una birra artigianale di successo”. Attraverso una serie di diapositive in cui ha portato dati interessanti sulla craft beer revolution degli Stati Uniti e nozioni di vario genere, supportato da una bella presenza e proprietà di linguaggio ha fatto volare le 3 ore a disposizione. Ha saputo anche far intervenire, al momento giusto in modo da sottolineare o approfondire i concetti, alcuni produttori presenti in sala e Lorenzo “Kuaska” Dabove. Pubblico attento e numeroso soprattutto se si considerano le condizioni meteo a dir poco avverse e lo sciopero nazionale che ha cancellato voli e treni a go go.

Il sunto del corso è che per produrre una birra, artigianale, di successo, occorre mettere nel bicchiere qualcosa in più, saperlo raccontare e soprattutto avere un prodotto eccellente con grande costanza qualitativa. Questo è quello che è risultato evidente nelle birre 4 birre scelte, sapientemente, da Eugenio per accompagnare la sua narrazione: 

la Tipo Pils del Birrificio Italiano, ovvero l’idea geniale quanto sovversiva (nel 1996) di produrre una German Pils con l’uso di luppolo a freddo durante la maturazione della birra

la Margose di Birranova, ispirata a una antichissima birra della Bassa Sassonia, con acqua di mare (depurata ma non dissalata) 

la Moak di Tarì, una birra scura che guarda da vicino il caffè freddo e la recente moda dei cold brew, in collaborazione  con una piccola torrefazione di Modica di cui usano un caffè etiope.

la BB Red Nau di Barley, l’ultima nata dal padre putativo delle Italian Grape Ale, le birre che usano l’uva (o derivati come mosto, mosto fiore, sapa ecc) come ingrediente caratterizzante.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Paolo Barrale

Aria Restaurant

Napoli

4) Vino e percoche

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search