Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Taormina Gourmet 2019 il 26 Ottobre2019


(Attilio Scienza, Antonio Benanti ed Enrico Donati - ph Vincenzo Ganci)

di Federico Latteri

Un vero viaggio nel tempo. Con un'anteprima che sarà disponibile solo l'anno prossimo e con alcune bottiglie che, a Taormina Gourmet, sono state bevute per l'ultima volta. 

Perché sono andate esaurite le riserve di cantina. Rimangono pochissime in bottiglie in mano a chissà quale collezionista. Grande verticale alla kermesse organizzata da Cronache di Gusto, con il vino Pietra Marina di Benanti. Dalla 2016 fatta assaggiare in anteprima e mentre affina in bottiglia, indietro fino al 1995, con un viaggio nel tempo incredibilmente affascinante. Al tavolo dei relatori, oltre allo stesso Antonio Benanti, patron dell'azienda e presidente del consorzio Etna Doc, Enrico Donato docente Wset, Attilio Scienza e Roberta Garibaldi.


(ph Vincenzo Ganci)

LA VERTICALE DI ETNA BIANCO SUPERIORE PIETRA MARINA

2016 (Anteprima)
Vino già imbottigliato da tempo, ma ancora in affinamento e che uscirà il prossimo anno. Viene da una grande annata con un ciclo vegetativo ottimale che ha dato vini classici ed equilibrati. Il naso ancora esprime ancora solo in parte il grande potenziale ed è fatto di profumi di agrumi, scorzette di limone e mela verde. Il sorso è tagliente, citrico, sapido e lunghissimo. Un vino di grandi potenzialità ancora all'inizio di una lunga vita.

2012
E' una delle annate più calde degli ultimi anni sull'Etna. Al naso sono evidenti note piùmature di mandorla, miele e fiori gialli. Il palato è più rotondo, ben strutturato ed è evidente una spiccata sapidità che riesce a dare slancio e lunghezza.


(ph Vincenzo Ganci)

2011
E' una grande annata per tutte le tipologie di vini etnei. E' preciso e intenso all'olfatto, con note di pasticceria, sentori di pompelmo e fiori. Al palato è vibrante, grazie alla viva acidità e dotato di una progressione incessante che termina con una chiusura salina e lunghissima. Grande vino capace di evolvere ancora. 

2009
Annata non facile. Naso elegante, anche se non intensissimo in cui spiccano i profumi di scorzetta di aranca candita e fiori gialli. Sorso fresco, snello e lungo.


(ph Vincenzo Ganci)

2008
Buona annata sull'Etna. Il naso è caratterizzato da profumi intensi, ma nellostesso tempo fini, di zagara, scorzette di agrumi e un lieve cenno di idrocarburi. Il sorso è pieno, molto fresco, incisivo e perfettamente equilibrato. La lunghezza tende all'infinito. Un vino totale, entusiasmante.

2001
All'olfatto sono evidenti note più evolute che comunque non alterano il profilo elegante. Caramello efrutta candita sono seguiti da un palato fresco, dinamico e lungo. 


(ph Vincenzo Ganci)

1998
E' complesso al naso con profumi di frutta secca, nocciole in particolare e fini note di pasticceria. Il sorso è morbido, suadente, e chiude lungo grazie alla scia salina-minerale sempre presente in questo vino. Ha ancora capacità di andare avanti nel tempo. 

1995
Profilo olfattivo caratterizzato da sentori di crosta di pane, miele e amaretti. In bocca si riscontra una perfetta corrispondenza gusto-olfattiva e un profilo comunque dinamico e minerale. Anche questo un grande vino. 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Paolo Barrale

Aria Restaurant

Napoli

4) Vino e percoche

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search