Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Taormina Gourmet 2019 il 26 Ottobre2019


(Michele Scienza - ph Vincenzo Ganci)

di Geraldine Pedrotti

La memoria di millenni di viticoltura in un vino fuori dal comune. A Taormina Gourmet va in scena la verticale di sei annate di Jassarte, il celebre vino di Guado al Melo, la cantina creata da Attilio Scienza e dal figlio Michele vent’anni fa nel territorio di Bolgheri, sulla costa toscana. 

Un vino unico, espressione della sperimentazione che ha sempre guidato il lavoro del professor Scienza, e figlio di una vigna di un ettaro, “Campo Giardino”, dove convivono insieme 30 differenti vitigni a bacca rossa, toscani e dell’area del Mediterraneo, le cui uve sono vinificate. “Un retaggio antico – spiega Michele Scienza - fa parte della storia della viticoltura avere vigneti con più varietà, si è fatto così per secoli in tutto il bacino del Mediterraneo. Era il modo più naturale per ottenere un vino bilanciato ed equilibrato grazie alle peculiarità di ciascun vitigno, senza dovere fare grossi interventi successivamente”.


(ph Vincenzo Ganci)

Jassarte è la memoria di legami antichi di popoli e culture, simbolo di unione e condivisione. Il suo nome indica una terra di confine fra Oriente e Occidente, luogo ideale di quello scambio infinito di saperi, vitigni, attrezzi e sogni che è da sempre la storia della vite e del vino. A guidare la degustazione a Taormina Gourmet sono direttamente Attilio e Michele Scienza accompagnati da Daniele Cernilli di DoctorWine. Circa 3 mila bottiglie all’anno prodotte a partire dal 2003. Sei le annate esaminate a Taormina, tutte espressione più di un territorio che di un determinato vitigno. 

2004
Colore rubino, al naso sentori erbacei e note di vaniglia, tabacco e liquirizia. In bocca è incredibilmente fresco, con tannini morbidi tipici dei grandi vini dell’area di Bolgheri. 

2005
Non molto distante dalle caratteristiche dell’annata precedente, è un vino fresco, molto balsamico al naso, e di buon corpo, con tannini un po’ meno vellutati rispetto a quelli del 2004. 

2008
Si passa ad una delle annate migliori a Bolgheri, che ha dato vita a grandi vini in tutta la zona. E il Jassarte 2008 non fa eccezione. Vino molto bilanciato, che è stato lanciato sul mercato 10 anni dopo la vendemmia. 

2011
Frutto di un’annata molto difficile in tutta Italia. A livello olfattivo si sviluppano note più eteree rispetto alle altre annate, tannini un po’ meno smussati, dovuti all’annata calda. 

2013
Elegante, con note di sottobosco e spezie dolci, tannini  vivaci dovuti alla giovinezza del vino. 

2015
Vino ancora giovanissimo, scalpitante, tannini evidenti ma non asciuganti. Imponente che promette di evolvere negli anni e diventare un gran vino. 

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Paolo Barrale

Aria Restaurant

Napoli

4) Vino e percoche

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search