Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Tendenze
di C.d.G.

E se in Italia oramai è birra mania negli Usa calano i consumi.

Il 22 percento degli americani tradisce la birra nazionale per il vino. Lo dice la ricerca condotta da Mintel, Golbal Market Research, che ha fotografato le ultime tendenze di consumo di birra. Si è registrata un leggera stagnazione delle vendite nel mercato interno, e a risentire di questo andamento è anche la birra  artigianale che però continua ad esercitare un forte appeal sui giovani consumatori, quelli che rientrano nella fascia di età tra i 25 e i 34 anni. Secondo quanto dichiarato dal campione preso in esame, l'abbandono delle birre nazionali è principalmente motivato dal quantitativo delle calorie. La regione sarebbe di tipo quindi salutistico, per molti conterrebbero troppe calorie. Nel caso delle birre artigianali, ben il 51% dei consumatori crede che invece questa tipologia sia più salutare rispetto alle controparte industriale.

Ad essere percepita nettamente come un'opzione più sana è proprio il vino. Una credenza che si sta diffondendo e che si riflette sull'aumento delle vendite di vino negli States, nel 2013 cresciute del 2,3%, pari a 42 miliardi di dollari. Mentre l'aumento delle vendite della birra è stato solo dello 0,3%.  La preferenza del vino o delle birre artigianali è anche spiegata da una varietà di gusto e sapori. E proprio per questo motivo, tra i consumatori abituali di birra, il 55% ha dichiarato di essere più attratto dall'esperienza gustativa che offre la birra artigianale o anche il sidro o nuovi tipi di bevande alcoliche, più orientati a questi ultimi prodotti sono i ventenni. 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gabriele Boffa

Locanda del Sant'Uffizio Enrico Bartolini

Cioccaro di Penango (At)

1) Asparago, seirass e tuorlo al curry

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search