Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Tendenze il 24 Agosto2014

L'altro giorno ha chiamato un ristoratore amico, patron e chef di un locale gourmet. Per segnalare una tendenza che già fa tremare le vene ai polsi degli addetti ai lavori.

Coppia giovane, sorridente, ben vestita. Lui forse professionista, lei forse bancaria. Prenota per cena, arriva, si siede, sfoglia il menu, sbircia la carta dei vini. E ordinano: due mezzi primi piatti, un dessert e due calici di vino. In totale meno di trenta euro. Non è stato un caso isolato. La faccenda si è ripetuta in altre occasioni, commensali diversi ovviamente. E così il mio amico ristoratore si è preoccupato.

"È una nuova moda? Saremo costretti a tenere brigate di cuochi in cucina per tirare fuori quattro piatti a sera per venti coperti?". La risposta la possiamo abbozzare.

Il momento economico di difficoltà sta giocando un ruolo determinante a tal punto che in Italia si stanno modificando i nostri stili di vita. La Fipe sforna dati a livello nazionale che scoraggiano ogni timido ottimismo con le chiusure dei locali che ormai da qualche tempo superano le aperture, non solo nelle zone più depresse della Penisola ma da Bressanone a Pantelleria.

Di soldi in giro ce ne sono pochini. C'è tanta sfiducia e un po' di paura. Naturale aspettarsi che la gente mangi ancora fuori casa. Ma che voglia spendere poco. Poi c'è un'altra motivazione. Il salutismo dilagante che ci obbliga a mangiare poco. Che ci ossessiona con le calorie. Che ti mette lo spauracchio su tutta una serie di ingredienti. E che alla fine se vai al ristorante e mangi poco, pochissimo, sei pure un figo. Attenzione: che ci siano scelte salutiste va bene, purché non ti privino del piacere del cibo. Se cominci a mangiare farro e cavolo nero è una scelta condivisibile.

E ci sono tanti chef che si stanno cimentando su questi versanti. Ma se per essere salutista devi rinunciare al piacere di mangiare, no, non ci stiamo. Mangiare deve restare un piacere. Che fa bene al nostro corpo e agli ormoni che poi sono i registi e i custodi del nostro sistema immunitario. Certo, se vai al ristorante gourmet non fai bella figura se ordini un piatto e il conto. Ma così è.

E forse bisogna prepararsi, non dico al peggio, ma a qualcosa di simile. Perchè se non viene nessuno nel tuo locale cominci a reagire. Se invece hai il locale pieno e non riesci a produrre un certo fatturato è anche peggio. Bene fanno quei ristoratori che ormai differenziano la proposta tra pranzo e cena. Mentre è più che giustificata la crescita esponenziale di enoteche con cucina, macellerie con cucina, fornai che diventano pizzerie e via dicendo. Con buona pace di chi pensa che in Italia l'alta qualità si trovi solo nell'alta ristorazione. Non è più così, la situazione é destinata a cambiare. Già l'offerta del vino nei locali è stata stravolta. E se non fosse per la moda degli aperitivi e degli happy hour e del dilagante prosecco, la vedrei veramente dura per i consumi di vino in Italia. Comunque sapremo presto se l'idea delle mezze porzioni e del piatto unico diventerà davvero una moda oppure no.

F. C.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

4) Torta stracciatella

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search