Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Tendenze
di C.d.G.

 

Cenone quest’anno fa rima con tradizione, almeno così è per sette cuochi stellati italiani su dieci.

I guru dell’alta cucina lasciano in dispensa i cibi di lusso o esotici e mettono a tavola i prodotti della terra, a km 0. Nei menu ripropongono le ricette della nonna. Una celebrazione della tipicità che però ha dietro l’ombra della crisi economica. Il conto della  cena di fine anno proposta nei loro templi diventa più a portata di portafogli. Chef e ristoratori sono costretti così ad adottare strategie particolari per favorire la clientela. In molti, infatti, avrebbero deciso di risparmiare sul costo delle materie prime alimentari, importando quasi nulla dall’estero e usando soprattutto prodotti Made in Italy, provenienti da coltivazioni italiane. I sapori antichi e gli ingredienti semplici secondo i cuochi rassicurerebbero anche, genuini e sostanziosi per loro danno al cliente l’idea di festa.

È quanto emerge da uno studio promosso da Polli Cooking Lab, l’Osservatorio sulle tendenze alimentari dell’omonima azienda toscana, condotto attraverso interviste a 110 illustri chef nazionali per approfondire quale sarà la tendenza del 2011 a tavola. 

A proporre i piatti tipici delle feste sono quindi il 63% degli intervistati, o piatti indicati per la stagione invernale. In pochi, solo il 9%, punteranno sull’innovazione, sperimentando ricette da avanguardia culinaria a tutti i costi.
 
In vista di questi cambiamenti due pietre miliari del Capodanno rimangono ben salde nei piatti. Lenticchie e cotechino continueranno a fare la loro parte augurale e scaramantica nei menu stellati, sempre però in una versione rivisitata e originale.

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search