Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Video il 07 Novembre2017

L'Intervista a Oscar Farinetti e Walter Massa. Che spiegano e svelano "l'Italia che vorrebbero". Con una stoccata ai più giovani

{qtube vid:=FkeXqDqxVMg}

"L'Italia del vino che vorrei", anzi "L'italia che vorrei. Punto". Parole di Oscar Farinetti patron di Eataly e Walter Massa vigneron piemontese di Monleale e riscopritore del Timorasso. 

I due, insieme, potrebbero parlare davanti le telecamere per un giorno consecutivo. A Taormina Gourmet sono stati protagonisti di una masterclas partecipatissima (leggi qui). Ma prima si sono concessi alle telecamere. "L'Italia che vorrei è quella di oggi, con 53 beni patrimonio Unesco, il 70 per cento del patrimonio artistico dell'umanità, la più grande biodiversità del mondo - dice Farinetti - Basterebbe solo che gli italiani si rendessero conto di tutto questo e lo andassero a raccontare. La stessa identica cosa per il vino, Il futuro? Il futuro è camminare dritti, precisi, con determinazione, ma spesso voltandosi a guardare indietro".

"Ci sono una ventina di parole che possono raccontare il mondo del vino - aggiunge Massa - come occupazione, paesaggio, economia, bellezza, solidarietà, comunicazione, esportazione: il vino lega tutte ste robette qua. Oggi abbiamo la forza di poter vendere una parola che è stata svenduta 30 anni fa: agricoltura. Che diventa anche agricultura, peché va fatta in maniera colta". "I ragazzi - chiude Farinetti - devono credere di avere avuto un culo pazzesco ad essere nati in Italia e dedicare un sacco di tempo a farselo perdonare".

L'intervista è di Marco Volpe. Immagini e montaggio di Salvo Militello.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search