Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vini e territori il 20 Maggio2021

di Federico Latteri, Firenze

Primo giorno di tasting alla Chianti Classico Collection 2021 in corso a Firenze presso il museo di Santa Maria Novella, nuova location che quest'anno sostituisce la stazione Leopolda.

Sono 468 i vini in degustazione tra Chianti Classico, Chianti Classico Riserva, Chianti Classico Gran Selezione e Vin Santo del Chianti Classico. Per quanto riguarda il Chianti Classico Docg, la maggior parte dei campioni proposti provenivano dalle annate 2019 e 2018. Insieme a loro una decina di giovanissimi 2020 e alcuni 2017, 2016 e 2015. In generale, i vini del 2019 presentano un profilo classico ed equilibrato, mentre i 2018 sono freschi e piacevoli. Di seguito i nostri migliori assaggi

Chianti Classico Docg 2019

Castellare di Castellina-Castellare
Un naso nitido e pulito fatto di note floreali e fruttate precede un sorso dotato di grande bevibilità, dovuta sia alla freschezza che all'ottimo equilibrio.

Castellinuzza e Piuca
Mostra grande naturalezza espressiva con un bouquet floreale nel quale trovano spazio anche la frutta fresca e un cenno speziato. In bocca è vivo, acido e dinamico.

Castello di Monsanto
E' elegante e scuro al naso, dove prevalgono le note di viola. Fresco, bilanciato e disteso, è provvisto di una buona struttura e tannini levigati. Davvero ottimo, tipico e completo. Standing ovation.

Felsina-Berardenga
Al naso prevale il carattere floreale, al palato è vivo, ordinato e delicato nella parte tannica. Facile da bere, ma intenso.

Istine
Un Chianti Classico didascalico nel quale profumi ben delineati di viola mammola sono seguiti da un sorso intenso, succoso e lungo, dotato della giusta consistenza e di tannini di qualità. Standing ovation.

Monte Bernardi-Retromarcia
Arioso nell'espressione del frutto che si arricchisce di un cenno floreale. È freschissimo, scorrevole, da bere a oltranza.

Monteraponi
Al naso si distingue per la nitidezza dei profumi. Il sorso è giocato tra una buona struttura e un notevole slancio che la snellisce. Chiude sapido.

Val delle Corti
Offre profumi netti di frutta rossa molto fresca. Una sferzante acidità anima un palato ordinato e piacevole.

Chianti Classico Docg 2018

Cantina Ripoli
E' intenso all'olfatto con frutta rossa in evidenza e un cenno di arancia. Il sorso è leggermente più materico di quanto ci si possa aspettare, ma non mancano freschezza e equilibrio. Finale salino.

Castello di Verrazzano
Elegante e rifinito nei profumi, agrumato in bocca, snello e rinfrescante fino alla chiusura.

Fontodi-Filetta di Lamole
Ha un naso intrigante nel quale le note floreali e quelle fruttate sembrano comporre un gioco di chiaroscuri. Vibrante e tendenzialmente verticale, riesce a trasmettere grande energia.

Isole e Olena
E' ormai una certezza. È pulito, scuro e profondo al naso, acido, teso e lungo al palato.

L'Erta di Radda
Agile e scattante, necessita ancora di un po' di tempo per dare il meglio, ma colpisce per il grande slancio di cui è dotato. Territorio e tradizione.

Principe Corsini/Villa Le Corti-Le Corti
Presenta un bouquet nel quale la frutta rossa che si esprime con note dolci è contornata da sentori floreali. È pieno, vellutato e persistente.

Vecchie Terre di Montefili
E' intenso con profumi di frutta matura al punto giusto e un tocco di arancia rossa. Il sorso mostra una consistenza a tratti polposa che viene snellita dall'evidente acidità. Vellutati i tannini e ottima la persistenza.

Tra i Chianti Classico Docg delle altre annate segnaliamo Castell'in Villa 2017, tipico e fascinoso, Tenuta Carobbio-Carobbio 2016, equilibrato e facile da bere e Fattoria di Lamole-Castello di Lamole 2015, fine e balsamico.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search