Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vini e territori il 15 Gennaio2021

La parola tenuta ha almeno quattro significati e una miriade di accezioni.

Qui a noi interessa questa definizione: “Vasto possedimento rurale, comprendente più poderi e anche prati e boschi”. Se fossimo alla Treccani suggeriremmo...”comprendente anche vigneti e uliveti“.. Perché la parola tenuta è entrata in pieno diritto nel lessico dei produttori di vino e di olio e delle rispettive cantine e aziende. La tenuta per un produttore di vino oggi identifica il suo lavoro, il rapporto col territorio sempre più verticalizzato a cercare identità e qualità zolla per zolla di terreno. È la lezione insuperata dei francesi. Ma è anche il lavoro che in modo incessante stanno facendo Diego e Alberto Cusumano, imprenditori e produttori creativi di vino in tutta la Sicilia (sull’Etna è Alta Mora) sostenuti da un solido know how. Oggi la parola tenuta, su cui ritorneremo, fa parte del loro vocabolario.

Un esempio ne è il Sicilia Doc Nero d'Avola Disueri Tenuta San Giacomo 2019, un Nero d’Avola semplice. Ma solo in apparenza... E' fatto con uve provenienti dal territorio di Butera in provincia di Caltanissetta, dove si trova, per l’appunto, la tenuta San Giacomo. Ci troviamo a circa 400 metri sul livello del mare in un'area collinare caratterizzata da terreni bianchi di natura calcarea e da un clima caldo e soleggiato che si giova dell'azione rinfrescante della brezza proveniente dal vicino mare. Un posto che presenta una forte identità e che viene considerato uno dei terroir d'elezione per la coltivazione del Nero d'Avola. Il Disueri affina in acciaio sulle fecce nobili per almeno 5 mesi e poi in bottiglia per un breve periodo. Il colore, un rosso porpora intenso, ci mostra subito il suo carattere giovanile e spontaneo, mentre il naso ci comincia a svelare il legame con il luogo di provenienza: profumi di frutta fresca con prugna e amarena in evidenza sono arricchiti da un tocco di cappero e da una piacevole nota marina. Il sorso è fresco, di corpo medio-pieno e giusta consistenza gustativa, ma soprattutto dotato di slancio e mineralità particolarmente evidente nel finale, dove c'è anche il ritorno delle note fruttate. Non ha la complessità e la potenza del fratello maggiore Sàgana, ma è, al suo pari, un “vino di tenuta” che si identifica con un luogo preciso, risultando diverso da tanti altri. Un rosso siciliano buono e moderno.

Ah, a proposito di tenuta. L’etimologia della parola è ampia e complessa. Deriva dal verbo tenere e dal latino teneo. Ha radici lontane che si perdono nella notte dei tempi. E tra i sinonimi, estensivamente, possiamo correlare la parola con i verbi proteggere, custodire. Ecco, l’idea che il vino che nasce da una tenuta significhi anche custodire e proteggere un territorio e le sue vocazioni ci piace molto. In enoteca a circa 12 euro.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Isa Mazzocchi

Ristorante La Palta

Frazione Bilegno - Borgonovo Val Tidone

2) Raviolo di ravioli in sei stagionature di Parmigiano Reggiano

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search