Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vini e territori il 18 Dicembre2019

 


(Romano Dogliotti)

di Federico Latteri

Asti & Moscato d'Asti Experience 2019, la rassegna dedicata ai rinomati vini piemontesi da uve Moscato Bianco di Canelli, non è stata solo un'anteprima per i prodotti dell'ultima vendemmia, ma anche e soprattutto una full immersion in un territorio unico ricco di storia e tradizioni. 

L'area della Denominazione di Origine Controllata e Garantita Asti si estende su 52 comuni delle province di Asti, Cuneo e Alessandria per un totale di circa 10 mila ettari vitati. Si tratta di una zona collinare in cui ci sono anche vigneti (più di 1.400 ettari) con pendenze superiori al 40 per cento, che in alcune vigne storiche, i “Sorì”, si spingono oltre il 50 per cento.

Ci troviamo nei paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato, patrimonio mondiale dell'Unesco dal 2014. Oggi le bottiglie di Asti prodotte sono 90 milioni, di cui il 60 per cento è rappresentato dallo Spumante e il 40 dal Moscato d'Asti. L'evento, organizzato dal Consorzio per la tutela dell'Asti, ha visto la partecipazione di 25 giornalisti delle testate più importanti e della stampa di settore italiana.

Interessante la masterclass condotta da Guido Bezzo, responsabile tecnico del laboratorio consortile, insieme all'agronomo Daniele Eberle e a Mauro Carosso, delegato Ais di Torino. Dopo le descrizioni del territorio, del vitigno e delle tecniche di produzione, si è passati alla degustazione delle varie tipologie di vini ottenuti dal Moscato Bianco. Il primo spumante proposto è stato l'Asti secco, la versione più nuova, presente da meno di due anni sul mercato. E' fresco, lineare, prevalentemente vegetale, agrumato al palato con una nota amarognola nel finale. Poi l'Asti Spumante dolce fatto con il Metodo Martinotti, il prodotto più classico: dolcezza ben bilanciata dall'acidità, effervescenza cremosa e grado alcolico molto moderato si fondono in un insieme di grande piacevolezza.


(Stefano Ricagno)

Più complesso, consistente, maturo e persistente l'Asti Spumante ottenuto da rifermentazione in bottiglia secondo il Metodo Classico, tecnica con cui vengono realizzate poche etichette. Infine i Moscato d'Asti Docg delle annate 2019, 2018, 2016 e 2003 che hanno mostrato la fragranza e la ricchezza degli aromi primari del vitigno, l'immediatezza di beva, ma anche capacità evolutive con una longevità e una complessità che fino ad oggi pochi potevano immaginare. Una panoramica importante che ha messo in luce le reali potenzialità di un vitigno nel suo terroir d'elezione e ha evidenziato la versatilità di una gamma adatta a tanti abbinamenti che si rivolge ad una fascia ampia di consumatori, sia sul mercato italiano che su quelli esteri.

E' intervenuto anche Stefano Ricagno, vice presidente del consorzio, che ha presentato il progetto di brandizzazione del territorio attraverso l'inserimento di istallazioni con il nuovo logo della denominazione. In questo modo si vuole rafforzare l'identità dell'Asti, mettendo in evidenza il legame con i luoghi dove nasce. I giornalisti hanno poi fatto un tour del territorio in elicottero, esperienza emozionante che ha regalato una visuale unica sui panorami delle colline dell'Asti.

(continua...)

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

4) Torta stracciatella

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search