Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vini e territori il 19 Dicembre2019

di Federico Latteri

Riprendiamo il nostro viaggio all'Asti & Moscato d'Asti experience che avevamo cominciato ieri (leggi questo articolo).

Abbiamo degustato l'annata 2019 di Moscato d'Asti, il primo vino che è possibile assaggiare in Italia dopo la vendemmia, diverse tipologie di Asti Spumante e qualche millesimo meno recente che ci ha sorpreso non poco, proiettando questa denominazione in una dimensione nuova ancora tutta da scoprire. Nel 2019 l'andamento climatico è stato più regolare rispetto al 2018, annata umida e piovosa. Grazie a questo i vini mostrano equilibrio, buona struttura, complessità e residui zuccherini che in alcuni casi sono leggermente superiori alla media.  

Di seguito i vini che ci sono piaciuti di più con alcune note:

Bussi Piero



Moscato d'Asti Docg 2019: è fine all'olfatto con profumi di pesca bianca, mela, una nota vegetale e un cenno floreale. Il sorso è fresco, snello, piacevolmente dolce e discretamente lungo.

Cantina Alice Bel Colle



Moscato d'Asti Docg Paiè 2018: il vigneto si trova in una piccola vallata vicino ad Acqui Terme con un microclima tendenzialmente caldo. Una parte delle uve, circa il 10 per cento, viene appassita. E' un prodotto particolare che si distingue per la persistenza e l'ottima acidità che riesce a bilanciare bene il notevole residuo zuccherino (150 grammi per litro).

Caudrina



L'Asti Docg La Selvatica conferma la qualità riscontrata negli ultimi anni, fornendo una delle migliori interpretazioni di spumante da uve Moscato. Equilibrio e sobrietà prima di tutto con la carica aromatica e la dolcezza che entrano a far parte di un insieme armonico in cui freschezza e precisione nella successione delle sensazioni favoriscono piacevolezza e bevibilità.  

Cerrino
Moscato d'Asti Docg 2019: è ottenuto da uve di vigne situate a 500 metri sul livello del mare. E' floreale, vegetale, molto fresco, più verticale della media con l'acidità che quasi prevale sul residuo zuccherino. E' adatto ad abbinamenti con la cucina di mare, gamberi in particolare.  

Cuvage



Asti Docg Acquesi: è delicato al naso, dove sono evidenti note di pesca bianca. Al palato è dolce e rinfrescante con un gusto intenso dominato dal frutto e una buona lunghezza. Davvero ben fatto. Asti Docg Metodo Classico Cuvage 2014: resta sui lieviti per 24 mesi. E' fine, aromatico e variegato con frutta candita, scorzette di agrumi e acqua di rose. Il sorso è dolce (circa 100 grammi per litro di residuo zuccherino), equilibrato e persistente.

Fontanafredda



Moscato d'Asti Docg Moncucco 2018: è fatto con uve provenienti da vigneti di Santo Stefano Belbo. E' accattivante al naso con sentori di fiori bianchi, nette note fruttate e petali di rosa. In bocca è fresco, piacevole e giustamente dolce, senza mai diventare stucchevole. Asti Docg Vintage 2018: buona acidità, frutta gialla matura e dolcezza ben bilanciata rendono il sorso articolato e facilmente bevibile.

Marenco



Moscato d'Asti Docg Scrapona 2016: le uve provengono dall'omonimo vigneto di Strevi, caratterizzato da una pendenza superiore al 30 per cento e piantato su un terreno ricco di marne calcaree. E' pulito e composito all'olfatto con fini sentori di scorzetta d'arancia, mandarino, canditi e acqua di rose. Il sorso è lineare, lungo e dotato di un'ottima intensità gustativa. Carezzevole la leggera effervescenza. Davvero buono.  

Matteo Soria



Asti Docg Extra Dry Bric Prima Bella: è uno spumante che si avvicina più all'Asti secco, inoltre, grazie agli 11 grammi per litro di zucchero, riesce ad avere una buona morbidezza. E' floreale e leggermente vegetale al naso. Al palato è armonico con un finale abbastanza lungo su note di frutta a polpa bianca.

Mongioia



Interessantissima la degustazione dei vini di Mongioia, azienda che raggiunge livelli qualitativi molto elevati con etichette di spiccata personalità che, partendo dall'ultima vendemmia, ci portano indietro nel tempo fino a 20 anni fa. Il Moscato d'Asti Docg Canelli Moscata 2019, vino affinato in anfora, presenta nitidi profumi di frutta a polpa gialla, bacche di vaniglia e fiori. Il sorso è intenso nella componente fruttata, ma anche fresco, lungo e dotato di un'ottima progressione. Il Moscato d'Asti Docg La Stella dei Viticoltori L'Astralis 2017 ha un naso fine fatto di note agrumate, frutta candita e netti sentori di fiori gialli. Al palato è equilibrato e molto persistente con un gusto che ricorda i sapori cremosi della pasticceria. Intrigante il Moscato d'Asti Docg Crivella 2003 con marzapane, zucchero caramellato, dattero, tè, ricchezza di sapori, morbidezza ed una leggerissima effervescenza ancora presente. Per quanto riguarda il Moscato d'Asti Docg 1999, etichetta prodotta in edizione molto limitata e immessa sul mercato dopo 20 anni di affinamento, ci sembra persino superfluo parlare di note di degustazione. E' semplicemente un'esperienza unica che ci fa capire le potenzialità del Moscato Bianco.

Terrabianca



Moscato d'Asti Docg Canelli Vignot 2019: offre un naso elegante, prevalentemente vegetale, nel quale cominciano ad emergere note floreali e fruttate. Al palato è fresco con un gusto lineare. Ha bisogno di un po' di tempo per esprimersi al meglio, ma promette bene. Abbiamo assaggiato anche il 2012, un vino intenso con profumi di agrumi e frutta candita, seguiti da un sorso pieno, rotondo e equilibrato.   

(fine)

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

1) Tartelletta di stagione

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search