Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vini e territori il 30 Luglio 2015
di C.d.G.

La zona è famosa anche per il pomodoro Piennolo Dop


(Angelo Di Giacomo, titolare dell'azienda Giolì)

di Maria Antonietta Pioppo

Un giro tra gli scavi di Ercolano, alla scoperta delle antiche osterie dei tempi dei romani, delle lussuose abitazioni pubbliche e private, e ancora un giro tra i vigneti di Casa Setaro e poi a tra gli orti ad ammirare il pomodoro del Piennolo. 

Dopo il nostro giro archeologico, ci dirigiamo verso il Vesuvio per visitare i vigneti di casa Setaro, azienda oggi gestita da Massimo e dalla moglie Mariarosaria, quarta generazione della cantina. A spasso tra i filari, tra le colline dominate dalla "Muntagna", non si può non notare il particolare microclima, a cominciare dal terreno, ricco di sostanze derivanti dalla lava. La scelta è quella di produrre vini da vitigni autoctoni di tradizione millenaria, come spiega lo stesso Setaro. Il primo della lista è il Caprettone del Vesuvio, seguito dalla Falanghina, per i bianchi, mentre Piedirosso e Aglianico sono le cultivar utilizzate per i rossi. 


(I vigneti di casa Setaro)

Il top di gamma è Vincenzo, Lacryma Christi del Vesuvio, Doc Riserva, ottenuto da uve per l'80% Piedirosso e per il 15% da Aglianico. Dopo una criomacerazione di 14 giorni circa, avviene la maturazione in tonneau di rovere francese per 24 mesi e infine un affinamento in bottiglia per sei mesi.


(Munazei)

L'assaggio è un piacevole percorso emozionale che ad ogni sorso regala sensazioni diverse. Grande persistenza e un equilibrio quasi perfetto tra la parte tannica e quella acida. Divertente l'interpretazione del Caprettone in versione spumante metodo classico. Trenta mesi di permanenza sur lie, affinato in bottiglia per dodici mesi. Una bollicina leggera e gradevole, perfetta come aperitivo. Completa il nostro assaggio il Munazei, Lacryma Christi del Vesuvio Doc Rosato da uve Piedirosso. Bella persistenza e grande freschezza con una nota sapidità che lo rende piacevole e di facile beva.


(Il metodo classico di Caprettone)

Dai vigneti andiamo per orti e in particolare in quelli di proprietà dell'azienda Giolì, all'interno del Parco Nazionale del Vesuvio.
Iniziamo così a capire com'è fatto materialmente il pomodoro del Piennolo del Vesuvio Dop. La forma è leggermente allungata, la foglia è particolare, detta "a patata" così come particolare è la sua maturazione e, infine, la sua raccolta che avviene nel mese di luglio. Caratteristiche di questa tipologia sono, la elevata consistenza della buccia, la forza di attaccatura al peduncolo, l’alta concentrazione di zuccheri, acidi e altri solidi solubili che lo rendono un prodotto a lunga conservazione.


(Il pomodoro del Piennolo del Vesuvio Dop)

Sul mercato viene apprezzato sia nella tipica forma conservata in appesa (al Piennolo), sia come conserva denominata "a pacchetelle" anch'essa prevista all'interno del disciplinare Dop. Noi abbiamo avuto modo di assaggiarlo in tutte le sue varianti e non ultimo come ingrediente di una "speciale" bruschetta fatta ovviamente con pane locale a lievitazione naturale. La passione e l'intraprendenza del titolare Angelo Di Giacomo, giovane imprenditore legato alla terra e ai suoi frutti, rappresentano la base del successo di un prodotto che ha ottenuto importanti riconoscimenti tra cui Presidio Slow Food e la Dop. Il suo gusto è indescrivibilmente buono, un tripudio di dolcezza e acidità talmente ben bilanciate da diventare quasi 'assuefatti' dal suo sapore. È ancora scoprire tutti gli abbinamenti, dalla pizza al pesce, ai piatti classici della trazione napoletana. 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search